Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO Lo sciacallo dorato per la prima volta in Italia in natura

Un esemplare è stato catturato e medicato nella zona di Doberdò del Lago da un'equipe dell'Università degli Studi di Udine

 

Catturato in natura per la prima volta in territorio italiano uno sciacallo dorato. L'esemplare, chiamato Yama, è stato trovato da un'equipe del Dipartimento di Scienze agroalimentari, ambientali e animali dell'Università di Udine nella Riserva naturale di Doberdò del Lago. Successivamente è stato dopo essere stato dotato di radiocollare

La cattura e il rilascio

L'operazione è stata condotta nell'ambito del programma "Interreg Italia-Slovenia Nat2Care" e giunge a conclusione di una ricerca durata più di un anno e effettuata dal dottor Yannick Fanin e dalla studentessa Marta Pieri. Alla cattura e al rilascio, effettuati a fini di ricerca scientifica per meglio comprendere i comportamenti di questa specie, ha partecipato anche il Corpo Forestale Regionale delle stazioni di Monfalcone, Duino e Trieste. Alla cattura hanno lavorato anche Stefano Filacorda, ricercatore e coordinatore degli studi sulla fauna selvatica di UniUd, Stefano Pesaro del Dipartimento di Saaa e Andrea Madinelli. 

L'esemplare

Yama, come si legge nel sito dell'Università di Udine, "ha visitato il sito della cattura a partire dalle 5.30 del mattino attivando la trappola e i dispositivi di allarme che hanno consentito al team di raggiungere tempestivamente il sito e di cominciare le operazioni per la predisposizione del radiocollare e dei rilievi biometrici". "Una volta giunti sul posto - continua la nota - gli operatori hanno messo in sicurezza l’animale e il medico veterinario ne ha accertato le buone condizioni di salute valutate nuovamente subito prima del rilascio. Nei giorni successivi l’animale è stato seguito mediante la tecnica di radiotelemetria tradizionale per valutare che il collare funzionasse entro i normali parametri e per individuare le aree di riposo diurne". 

Le parole dei ricercatori

Secondo Stefano Filacorda e stando alle affermazioni pubblicate sul sito dell'ateneo udinese, "Yama è un individuo adulto territoriale, che vive con il suo branco composto dalla compagna e da due figli nati ad aprile sul territorio della Riserva Naturale dei laghi di Doberdò e Pietrarossa. Pesa 14 chili e la sua dieta è prevalentemente composta da micro mammiferi (piccoli roditori), lepri e da carcasse di animali morti". "Tra alcuni mesi i sui figli saranno abbastanza grandi da abbandonare il nucleo familiare - continua Filacorda - e si disperderanno in altri territori nel tentativo di colonizzarli. Oltre alla predisposizione del radiocollare lo sciacallo è stato sottoposto a prelievi di sangue, feci e pelo utili alla raccolta di informazioni sullo stato sanitario del soggetto e della popolazione, e alla valutazione dei livelli di cortisolo, un ormone legato ai fattori di stress". 

Come prosegue la ricerca

In ultimo, i campioni saranno successivamente analizzati dalla sezione di Basaldella dell'Istituto Zooprofilattico delle Venezie che si occuperà della componente sanitaria, mentre sarà la ricercatrice Paola Beraldo a svolgere una ricerca volta ad individuare parassiti. Le università di Udine e Padova infine analizzeranno i livelli di cortisolo. Lo sciacallo dorato è presente sul territorio regionale dalla seconda metà degli anni Ottanta e ha colonizzato in maniera spontanea alcune aree dell'altopiano carsico. Qui infatti dagli anni Novanta sono diversi i nuclei riproduttivi che sono stati osservati. 

Il progetto transfrontaliero

Il progetto Nat2care ha l’obiettivo di coinvolgere la cittadinanza nella conservazione della biodiversità e di specie animali e vegetali a livello transfrontaliero e di prevenire la perdita e frammentazione degli habitat. Questo progetto è coordinato dal Parco delle Prealpi Giulie e coinvolge il Parco delle Dolomiti Friulane, il Parco Nazionale del Triglav, l'Istituto Nazionale di Biologia Sloveno, la scuola Naklo e l'Università di Udine.

Potrebbe Interessarti

Torna su
UdineToday è in caricamento