menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Friuli Doc diventa più "green" grazie a Goccia di Carnia

L'azienda ha fatto sistemare in città due compattatori di plastica per la differenziata

Friuli Doc è sempre più ecosostenibile: due compattatori per il PET saranno posizionati rispettivamente in via Aquileia e in piazza S. Giacomo per ottimizzare la qualità della raccolta differenziata durante tutta la manifestazione.

L’iniziativa è firmata da Goccia di Carnia, acqua ufficiale di Friuli Doc, e da Natura 3, team di professionisti friulani specializzati nell’educazione ambientale. L’obiettivo è quello di contribuire a creare un evento ad impatto Zero, riducendo il più possibile la produzione di plastica durante la durata di tutta la manifestazione.

 Il compattatore, infatti, grande quanto un frigo, riduce l’ingombro della plastica fino al 90% del volume abbassando drasticamente i costi di stoccaggio, trasporto e della filiera del ciclo di recupero e riutilizzo del materiale che può essere conferito direttamente alle industrie di trasformazione con notevole risparmio di tempo e denaro.

“Non gettare un’occasione”: così si chiama l’iniziativa che durante Friuli Doc incentiverà il pubblico ed in particolare i bambini a compattare le bottiglie.  Per ogni pezzo che sarà compattato in piazza San Giacomo, il sistema emetterà uno scontrino, un “eco-bonus”: consegnando minimo 3 scontrini al personale Goccia di Carnia si potrà ritirare un gadget (fino ad esaurimento scorte).

Non solo: gli scontrini saranno utili per conteggiare il numero totale delle bottiglie stoccate e dei chili di rifiuti risparmiati alla fine della manifestazione.

Il compattatore di via Aquileia invece rimarrà attivo anche oltre le giornate di Friuli Doc e rilascerà dei bonus-sconto spendibili presso gli esercenti di via Aquileia aderenti all’iniziativa  “Ricompattiamoci in Borgo“.

“Amare il territorio significa anche preservarlo. – spiega il presidente Lorenzo Snaidero - Da sempre in Goccia di Carnial’etica ambientale è un valore fondante: dal basso impatto dell’impianto di Forni Avoltri, alla garanzia di purezza del prodotto fino all’incentivazione dell’utilizzo del vetro a rendere per cui abbiamo appena cambiato il formato dedicato alla ristorazione. Questa iniziativa in collaborazione con Natura 3 è semplice ed immediata e contribuirà a dare un valore in più a Friuli Doc e alla nostra sinergia con il Comune”.

“Abbiamo accettato con entusiasmo questa proposta – commenta l’Assessore Alessandro Venanzi - perché sposa pienamente la filosofia di Friuli Doc, ovvero una marcata educazione dell'utenza al rispetto per l'ambiente. Friuli Doc vuol essere il luogo dove tutte le eccellenze regionali sono rappresentate, anche e soprattutto quelle imprenditoriali che megliodi altri il nostro territorio riesce ad esprimere.”

Il PET (PoliEtilene Tereftalato) è un materiale che coniuga sicurezza nella conservazione dell’acqua e sostenibilità perché essendo 100% RICICLABILE, garantisce così la certezza di bere l’acqua minerale così come sgorga dalla fonte senza alterazioni e, una volta correttamente smaltito, può rinascere sotto altre forme.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento