La caserma "Lesa" di Remanzacco esempio virtuoso di raccolta differenziata

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

Fare bene la raccolta differenziata in una struttura complessa come quella di una caserma, ottenendo risultati di qualità, è possibile: lo dimostra l’esperienza della Caserma “Severino Lesa” di Remanzacco. Qui il progetto di sviluppo della raccolta differenziata, iniziato circa un anno fa, ha visto la collaborazione del Reggimento Logistico “Pozzuolo del Friuli” e del 3° Reggimento Artiglieria da Montagna con il Comune di Remanzacco e A&T 2000 S.p.A., gestore dei rifiuti in 51 Comuni del Friuli Venezia Giulia. A Remanzacco, già da oltre 10 anni, sotto la gestione di A&T 2000, è attiva la raccolta porta a porta da cui si ottengono risultati di eccellenza: una percentuale di raccolta differenziata superiore al 76% e una qualità estremamente elevata dei rifiuti raccolti, che costituisce garanzia di un effettivo riciclo. La caserma “Lesa” opera in questo territorio come parte integrante e funge da punto di riferimento per la comunità. Con questa consapevolezza, nel corso del 2019, su iniziativa dei vertici della caserma stessa, è stato sviluppato un progetto che ha avuto l’obiettivo di affinare e migliorare la raccolta differenziata dei rifiuti prodotti nelle camerate e negli uffici. La Caserma “Lesa” conta, infatti, circa 1000 militari che lavorano e vivono all’interno della struttura. Prima dell’avvio del progetto, la raccolta differenziata all’interno della caserma avveniva tramite l'utilizzo di carrellati e cassonetti dislocati in punti strategici della struttura. Dato che tali contenitori non erano presidiati, non era possibile un controllo dei conferimenti. Inoltre, il frequente ricambio di personale nel corso dell'anno, anche proveniente da altri territori dove vigono regole diverse di raccolta differenziata, ha evidenziato la necessità di potenziare il presidio dei conferimenti e la formazione del personale al fine di migliorare la qualità della raccolta e ridurre le quantità dei rifiuti indifferenziati prodotti. Il progetto ha previsto il posizionamento in ciascuna camerata, a cura di A&T 2000, di appositi contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti, scelti specificatamente per la caserma, il cui acquisto è stato finanziato dall’Amministrazione comunale. Inoltre, sono stati realizzati momenti formativi dedicati e sono stati distribuiti appositi vademecum per istruire gli occupanti delle camerate sulle corrette modalità di separazione dei rifiuti. All’interno del perimetro della caserma è stata allestita un'isola ecologica recintata, dotata di apposite benne e cassoni e presidiata dai militari stessi, che hanno il compito di verificare la correttezza dei conferimenti e il rispetto degli orari prestabiliti. Trascorso circa un anno dall’avvio del progetto, è stato possibile constatare la buona riuscita dell’iniziativa, testimoniata soprattutto da un incremento della qualità dei materiali conferiti dalla caserma, oltre che da una riduzione dei rifiuti indifferenziati prodotti a livello comunale (confrontando gli anni 2018 e 2019, si è passati da 538 a 509 tonnellate totali e da 88 a 83 kg procapite). Partendo da questa positiva esperienza, ora si sta valutando la possibilità di attivare presso la caserma una struttura per l’auto-compostaggio al fine di produrre compost di qualità ed abbattere ulteriormente la produzione di rifiuti. Il Presidente di A&T 2000 Luciano Aita esprime «soddisfazione per la proficua collaborazione che si è instaurata per questo progetto sia con il personale della caserma, sotto la guida del Comandante Col. Tassi, sia con l’Amministrazione comunale di Remanzacco, che si sono dimostrati particolarmente sensibili riguardo alla tutela dell’ambiente.» Il Sindaco Daniela Briz manifesta il suo più vivo compiacimento per l’ottima collaborazione instauratasi con i Comandanti dei reparti di stanza nella Caserma Severino Lesa che hanno contribuito fattivamente per la piena riuscita dei progetti relativi alla raccolta differenza dei rifiuti, dimostrando sensibilità, attenzione e alto senso civico in questa essenziale attività. Grazie all’impegno di A&T 2000 è stato possibile porre nella struttura militare le basi per attuare nei prossimi mesi il progetto dell’auto-compostaggio, ulteriore tassello innovativo per lo sostenibilità green del territorio.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento