Progetto Cityfied, a Udine i rappresentanti di 7 Paesi europei per condividere buone pratiche

Saranno accolti oggi dal Sindaco Honsell. Il capoluogo friulano fa parte del gruppo di 10 città europee selezionate dalla Commissione europea per partecipare all'iniziativa

Il Quartiere Aurora (foto M.Pavan)

Udine fa parte dal 2014 del gruppo di 10 città europee selezionate dalla Commissione Europea per partecipare al progetto "CityFied", programma che punta a sviluppare politiche di risparmio ed efficientamento energetico nelle città attraverso una serie di interventi di ristrutturazione edilizia e ambientale su un determinato quartiere.

Oggi, 25 febbraio, accolti dal sindaco Furio Honsell, Udine ospiterà a Casa Cavazzini una delegazione di esperti del mondo accademico, ricerca applicata, dell'industria e di governo di tutta Europa, partecipanti al progetto, allo scopo di condividere con loro i più recenti sviluppi e piani di Smart City. 
Il capoluogo friulano partecipa, infatti, a un’indagine con la quale sarà testata la replicabilità di una serie di interventi, già realizzati in Spagna, Svezia e Turchia, di rigenerazione sostenibile di quartieri urbani. Il Comune di Udine aderisce al progetto con il quartiere Aurora, a nord-est della città, sul quale sarà realizzato uno studio di fattibilità per valutare le misure più efficaci da implementare per recuperare il quartiere ai fini di efficienza e risparmio energetico. 

Dopo l'incontro a Casa Cavazzini, che inizierà alle 9 per protrarsi lungo tutta la mattinata, nel pomeriggio i rappresentanti di 7 Paesi europei (Italia, Turchia, Germania, Svezia, Grecia, Spagna,  Belgio) saranno guidati con autobus urbano, messo gentilmente a disposizione da Saf, in quattro siti dimostrativi dell’efficienza energetica della città. Nello specifico, la delegazione visiterà la centrale cogenerativa dell’area nord ovest della città, una centralina idroelettrica lungo la roggia, una scuola dell’infanzia certificata Casaclima A e il quartiere Aurora.

“Per Udine – commenta il sindaco Honsell – questo evento rappresenta un ulteriore passo di un programma dinamico di azioni volte ad abbracciare un futuro smart per la città, ma sempre con un occhio di riguardo al rispetto e alla conservazione del patrimonio architettonico”. 

La città, infatti, è uno dei primi firmatari del Patto dei Sindaci "20-20-20", ha elaborato e sta portando avanti un proprio piano d'azione per l’energia sostenibile dal 2009. Ma non solo, perché per supportare l’obiettivo fondamentale della riduzione delle emissioni di CO2, affrontando la mitigazione e l'adattamento ai cambiamenti climatici, Udine ha avviato una serie di iniziative concrete che stanno avendo un grande impatto in tutto il capoluogo friulano.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quattro rimedi naturali per allontanare le cimici da casa

  • Quando si possono accendere i termosifoni: tutte le date città per città

  • Via Roma, si attacca alla fondina di un poliziotto e cerca di prendergli la pistola

  • Le migliori pasticcerie di Udine secondo TripAdvisor

  • Schianto mortale nella Bassa, perde la vita un 26enne

  • Accoltellamento in via Scrosoppi, ferita una ragazza dopo una lite

Torna su
UdineToday è in caricamento