Studente frequentante o non frequentante? Pro e contro

Tutti i vantaggi e gli svantaggi di essere uno studente non frequentate all'università

@ Immagine tratta da erasmusplus.it

Quando si comincia l'università ci si accorge quasi subito di una possibilità di scelta che alle superiori non si aveva: frequentare o meno le lezioni. A meno che il corso non sia a frequenza obbligatoria, infatti, sta allo studente scegliere se andare o no a lezione. Ma quali sono i vantaggi e gli svantaggi di questa scelta?

Vantaggi

Prima di tutto, come detto precedentemente, bisogna capire se il corso ha l'obbligo di frequenza o meno. In caso affermativo, non c'è nulla da fare e si deve frequentare le lezioni senza possibilità di scelta. Se, invece, l'obbligo di frequenza non sussiste, allora spetta allo studente scegliere cosa fare. In genere, si tende a non frequentare le lezioni per diversi motivi, ma i principali sono due: lavoro o pigrizia. Per quanto riguarda il primo, ovviamente lo studente lavoratore ha meno tempo da dedicare alle lezioni e allo studio, e molto probabilmente salterà alcune lezioni o corsi interi. Per quanto riguarda la pigrizia, ci sono molti studenti che, invece di andare a lezione, preferiscono stare a casa in pigiama a studiare o prepararsi il corso da soli. E' una questione di scelte personali. Oppure, si sceglie di non frequentare le lezioni perché le aule sono troppo affollate e non c'è spazio per tutti, ma anche perché ci si vuole dedicare ad altre attività (come, appunto, un lavoro, corsi di approfondimento, hobby, viaggi, ecc). Insomma, uno studente non frequentante ha molto più tempo rispetto a uno studente che frequenta tutte le lezioni e tutti i corsi. Spetta a lui scegliere, infine, se spendere questo tempo in più in modo efficace o meno.

Svantaggi

Lo svantaggio più importante se si sceglie di essere non frequentanti è non poter chiedere spiegazioni al professore durante la lezione o doversi studiare tutto un corso da soli, senza l'aiuto di nessuno e senza appunti. Inoltre, seguire il corso aiuta a capire su quali punti si concentra maggiormente il professore, evitando, magari, di studiare l'intero manuale. Ancora, frequentare le lezioni porta a conoscere gente nuova e a fare amicizia più facilmente, ma anche a creare gruppi di studio. Inoltre, come detto prima, durante la lezione si possono fare domande al professore, e non aspettare che risponda a una mail o a una telefonata per chiarire certi argomenti o punti del programma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sommelier di birra: la formazione necessaria

  • Quante assenze si possono fare a scuola? Il limite per la bocciatura

  • Come si diventa pilota di aerei di linea

  • Università telematiche: come funzionano e perché iscriversi

  • Perché leggere a voce alta ai bambini fa bene?

  • Bambini e scuola: la merenda sana da portare

Torna su
UdineToday è in caricamento