Quali sono i corsi di laurea più richiesti dal mondo del lavoro?

Una lista delle lauree più richieste per i prossimi anni per poter scegliere il proprio percorso universitario efficacemente

@ Immagine tratta da universityequipe.com

Una volta terminate le superiori, se si decide di continuare il proprio percorso formativo, non resta che iscriversi all'università. La scelta, però, non è facile, in quanto entrano in gioco numerosi fattori: la facoltà da scegliere, in quale città studiare, i costi, le passioni personali, le prospettive di lavoro. Scegliere in base ai propri gusti personali e alle proprie aspirazioni è importante, ma bisogna anche tenere in considerazione il futuro e la probabilità di trovare un buon lavoro dopo tanti sforzi e sacrifici.

Le future professioni

Come evidenziato dal rapporto Previsione dei Fabbisogni Occupazionali in Italia a medio termine (2018-2022) di Unioncamere e ANPAL, alcune delle professioni emergenti sono legate al processo tecnologico, tra cui: il Data Scientist, il Cloud Computing Expert, il Cyber Security Expert, il Business Intelligence Analyst, il Big Data Analyst e il Social Media Marketing. Tutte professioni legate, quindi, alla tecnologia e all'innovazione.

Le lauree più richieste

Nella scelta del proprio percorso di studi, quindi, è necessario tenere in considerazione (anche) le statistiche sulle professioni emergenti, oltre a quelle sul rapporto tra i laureati e il fabbisogno effettivo del mercato del lavoro. Sempre secondo la Previsione dei Fabbisogni Occupazionali in Italia a medio termine, nel peridio che va dal 2010 al 2016, ci sono stati circa 204mila laureati all'anno, mentre tra il 2018 e il 2022 questo numero andrà a diminuire, scendendo a 190.500 studenti (secondo le previsioni). Sempre secondo questa indagine, nel periodo 2018-2022, queste saranno le lauree più richieste dal mondo del lavoro:

  • il settore economico-sociale richiederà 151mila studenti per l'economia e la statistica e 40mila per l'economia politico sociale;
  • il fabbisogno di laureati nell'area umanistica sarà di 185 mila studenti. Questo gruppo comprende scienze motorie, insegnamento, letteratura, lingue e psicologia;
  • poi, l'area ingegneristica e architettura;
  • l'area medico sanitaria, invece, avrà bisogno di 137mila studenti;
  • ultime l'area scientifica e l'area giuridica.

Mondo del lavoro

Sempre secondo lo studio, tra il 2018 e il 2022 il fabbisogno di laureati in Italia non sarà soddisfatto solo grazie ai neo laureati, ma anche grazie ai laureati disoccupati. In linea generale, per alcune lauree sarà difficile ancora trovare lavoro (esempio le lauree nel settore geo-biologico), ma per altri sarà più facile (esempio: insegnamento).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sommelier di birra: la formazione necessaria

  • Quante assenze si possono fare a scuola? Il limite per la bocciatura

  • Come si diventa pilota di aerei di linea

  • Università telematiche: come funzionano e perché iscriversi

  • Bambini e scuola: la merenda sana da portare

  • Corso Ires per la comunicazione web nel settore culturale

Torna su
UdineToday è in caricamento