Studenti fuori sede: come scegliere l'appartamento giusto

Ecco alcuni consigli per affittare l'appartamento giusto in base alle proprie esigenze e ai propri bisogni, senza spendere una fortuna

@ Immagine tratta da designmag.it

Sono considerati "studenti fuori sede" quegli studenti che, per ragioni di studio, si trasferiscono in una nuova città, diversa da quella dove hanno sempre vissuto assieme ai genitori. Ci si può spostare di pochi chilometri da casa, oppure attraversare tutta l'Italia. L'importante, è scegliere e affittare un appartamento che sia adatto a noi.

Fuori sede

Di solito, gli studenti condividono la casa con altri coinquilini, in modo da dividersi le spese il più possibile. Per trovare casa, poi, esistono diversi modi: dalla bacheca fisica appesa all'università, ai vari siti web di annunci (come Subito, Immobiliare, ecc.), oppure attraverso il passa parola. Le soluzioni sono tante, si possono prendere in considerazione anche tutte e vedere dove si trovano gli annunci più interessanti.

Alloggi universitari

Prima di cercare casa, però, si può anche controllare se si è in possesso di determinati requisiti per poter entrare di diritto negli alloggi riservati agli studenti. Di solito, la disponibilità di posti letto è sempre bassa rispetto al numero di iscritti, e chi prima arriva, meglio alloggia (diciamo). Bisogna stare attenti durante l'estate e controllare di frequente se hanno aperto il bando, quindi iscriversi subito e sperare di essere tra i primi. La richiesta per gli alloggi universitari, di norma, viene compilata assieme alla domanda per la borsa di studio e per le riduzioni, e le scadenze, nella maggior parte dei casi, sono ad agosto o settembre.

Case private

Se non si è in possesso dei requisiti necessari, oppure si è arrivati troppo tardi, non resta che rivolgersi al mercato privato. Anche qui, il consiglio è quello di muoversi il prima possibile, in modo da avere un'ampia scelta di appartamenti. Bisogna stare molto attenti, poi, al prezzo d'affitto. Oltre a trovare la stanza, l'appartamento o la casa che più si adatta a noi, bisogna chiedere con attenzione i costi dell'affitto, le bollette e altre spese, in modo da non avere sorprese una volta trasferiti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sommelier di birra: la formazione necessaria

  • Quante assenze si possono fare a scuola? Il limite per la bocciatura

  • Come si diventa pilota di aerei di linea

  • Università telematiche: come funzionano e perché iscriversi

  • Bambini e scuola: la merenda sana da portare

  • Corso Ires per la comunicazione web nel settore culturale

Torna su
UdineToday è in caricamento