Fibre net fa scuola alle imprese de L'Aquila

La realtà produttiva della Ziu ha organizzato un convegno per presentare al pubblico abruzzese
 importanti novità destinate a rivoluzionare il settore edile in Italia e all'estero

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday



Fibre Net fa scuola alle imprese de L'Aquila sulle tecniche di rinforzo strutturale degli edifici
 esistenti in muratura. L'azienda friulana insediata nella Ziu, infatti, negli ultimi 12 anni ha maturato 
lunga esperienza nel settore sperimentando le applicazioni dei materiali sul campo grazie alla 
collaborazione del Malignani di Udine e grazie anche alle recenti attività di ricerca condotte
 dall'ingegner Natalino Gattesco, docente del Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura 
dell'Università degli Studi di Trieste, che hanno portato alla definizione di validi sistemi per la 
ricostruzione dei centri abitati colpiti dal terremoto.



L'auditorium dell'ANCE di via De Gasperi a L'Aquila ha ospitato un convegno dal titolo Rinforzo 
strutturale di edifici esistenti in muratura: intonaco armato con sistemi in FRP e ristilatura armata
 dei giunti. Un evento ideato e coordinato da Fibre Net per presentare al pubblico abruzzese composto prevalentemente da architetti, ingegneri e geometri - importanti novità destinate a 
rivoluzionare il settore edile non solo in Italia ma anche all'estero considerando il fatto che l'azienda 
friulana già da tempo è presente a L'Aquila con decine di progetti realizzati su palazzi storici, edifici
 di culto e abitazioni private.

Compito di aprire i lavori è stato affidato ad Andrea Zampa che ha trattato il tema legato ai materiali compositi in FRP sviscerandone tutte le caratteristiche e citando i campi d'applicazione e le normative. Fibre Net, infatti, ha creato e sviluppato la rete in materiale composito Fiber Reinforced Polymer, un prodotto innovativo per il mondo industriale e dell'edilizia specializzata costituito da fibre di vetro ad elevata resistenza chimica e meccanica, impregnate con resine termoindurenti che formano una struttura reticolare robusta, monolitica e flessibile, adatta per diversi utilizzi e applicazioni.

Tra le caratteristiche più importanti del sistema emerge, inoltre, l'estrema facilità di posa del prodotto che permette di accelerare le tempistiche di cantiere e quindi di abbattere anche tutti i costi.

L'ingegner Natalino Gattesco, docente del Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura
 dell'Università degli Studi di Trieste, ha parlato della tecnica dell'intonaco armato con i sistemi in 
FRP per il rinforzo strutturale degli edifici già esistenti. L'ingegner Antonio Borri, docente del 
Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale dell'Università degli Studi di Perugia, ha discusso 
del rinforzo di murature faccia a vista con il sistema "Reticolatus", della campagna di sperimentazione su murature irregolari rinforzate con maglie continue di trefoli metallici inossidabili e alcuni casi di strutture colpite dal sisma de L'Aquila.

A chiudere il convegno è stata
l'esposizione di Andrea Zampa sulle modalità di applicazione dei sistemi di rinforzo Fibre Net e sulle analisi economiche di cantiere.

Dal 24 al 27 maggio, inoltre, l'azienda friulana parteciperà al Salone della Ricostruzione 
all'Aeroporto dei Parchi di Preturo (Pad.1 -stand D5-D7/E10), luogo di incontro di respiro
 nazionale e internazionale tra produttori, progettisti, imprese e cittadini. Un momento decisivo per il 
presente e per il futuro, anche nella prospettiva di un prossimo avvio dei lavori di riprogettazione e
 ristrutturazione del centro storico. Il Salone sarà teatro di riflessione per professionisti e privati, un 
laboratorio di idee da mettere in cantiere per la rinascita della città distrutta dal sisma e del suo
territorio.

 

Torna su
UdineToday è in caricamento