"Donna che nutre la terra, la resilienza attraverso la memoria”

Il workshop è un evento pilota nel quale il tema generale è la resilienza attraverso la memoria: un processo che passa dall’esperienza personale e collettiva e che coinvolge i temi del lavoro, della salute, della famiglia.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

“Ciò che non mi distrugge, mi rinforza”. Questa frase racchiude perfettamente il concetto della Resilienza che sarà oggetto del workshop “Donna che nutre la Terra, Expo-Trava 2015” organizzato dall’Area “Ottimizza ciò che sei” conciliazione di genere famiglia e lavoro di Udine con il patrocinio del Comune di Lauco. L’appuntamento è fissato per sabato 10 ottobre dalle ore 9.30 alle ore 18 presso il Centro Socio Culturale di Lauco al nr. civico 84.

Il lavoro è coordinato da donne medico e imprenditrici emiliane e friulane dello Sportello SDE (Sportello di Disadattamento Europeo) e sostenuto da preziose testimonianze tra cui quella di Gina Rossitti, donna carnica resiliente, e interessanti riflessioni, come quella di apertura dei lavori affidata a Don Pierluigi Di Piazza.

Dalle 10 alle 13.30 seguiranno un ciclo di conferenze tenute dal gruppo Ottimizza ciò che sei di Udine che vedrà alternarsi i relatori: Dott.ssa Donatella Schiff, consulente della relazione d’aiuto e psicomotricista funzionale in formazione, Dott. Danilo Toneguzzi, psichiatra psicoterapeuta direttore dell’Istituto Gestalt di Pordenone, Dott. Alessandro D’Orlando, psicologo e psicoterapeuta autore dei libri "Intelligenza Emotiva e Respiro” e “Ricominciare da un amore che finisce”. Ospiti relatori dello Sportello del Disadattamento Europeo:  Dott.ssa Monica Martelli, neuro-fisio-patologa ambientale,  Dott.ssa Maria Clotilde Pettinicchi criminologa, Dott.sse Carla Bertani, ginecologa e Maria Grazia Ferrari, endocrinologa.

Nel pomeriggio invece spazio ai tavoli tematici dedicati a salute, conciliazione di genere lavoro e famiglia, ambiente territorio e sicurezza, azienda dove i partecipanti potranno affrontare in gruppo i temi trattati durante le conferenze del mattino. “Proprio grazie ai tavoli tematici – spiegano Donatella Schiff e Gabriella Bolzan, responsabili dell’Area “Ottimizza ciò che sei” di Udine - il gruppo dell’Area di Udine intende cogliere nel dettaglio le esigenze del territorio (quindi di Lauco e della Carnia in particolare) per poi in futuro intraprendere delle azioni mirate a ridurre le vulnerabilità, prevenire la sindrome di disadattamento, costruire la resilienza. L’Area “Ottimizza ciò che sei” di Udine concilia infatti la cultura inclusiva, sostenibile, responsabile e del prendersi cura. Lo scopo è di promuovere la qualità delle relazioni per una cultura del benessere in famiglia, sul lavoro, in azienda, nell’ambiente e nel territorio. E’ l’occasione per progettare e costruire ponti inter-relazionali di supporto e sostegno all’intera comunità, alla persona e alla collettività. Per questo, grazie a questo progetto pilota, proporremo presto il workshop in altre località della provincia di Udine e fuori Regione”.

La partecipazione del workshop del 10 ottobre è gratuita.

Ai partecipanti al Workshop verrà offerto un buffet grazie alla sensibilità degli amici di: “Antico Gusto” di Buttrio (Ud).

Torna su
UdineToday è in caricamento