A Palazzo Giacomelli una visita guidata alla scoperta del torchio

Nell’ambito della mostra “La lunga storia del torchio”, in esposizione a palazzo Giacomelli per tutto il mese di settembre, venerdì 19 settembre alle 17 è in programma una visita guidata con Geremia Nonini, esperto di storia della viticoltura che illustrerà storia, tecnica e diverse tipologie del torchio vinario.

I visitatori potranno approfondire i segreti di questa antica arte ammirando da vicino una cinquantina di modellini in scala 1:10, fedelmente riprodotti sulla base di fonti antiche, rilevamenti e verifiche nei musei specializzati. Un percorso che riprende tutti i periodi principali della storia del torchio, a partire dalla sua versione primordiale in cui le vinacce, poste in una conca di pietra appena sbozzata, venivano pressate con alcune pietre caricate sulla parte superiore. Fanno parte dell’esposizione modelli e varianti di torchi a pressione diretta, a sacco (le vinacce venivano strizzate per torsione del sacco di fibre vegetali in cui venivano poste), a leva, a cunei, a vite centrale.
Non esistono a tutt’oggi precisi riscontri documentari o archeologici sui primitivi metodi usati per spremere le uve. Possiamo soltanto immaginare una spremitura fatta con le mani o con i piedi (tuttora praticata) considerando che questi erano i mezzi naturali più immediati a disposizione dei primi vinificatori.

Così prezioso da diventare bevanda prescelta per le libagioni rituali e da chiamare in causa gli Dei dell’Olimpo con Dioniso (Bacco per i romani), nato da Giove, dio del vino e della viticoltura che, con la sua strana corte di sileni, satiri, fauni e baccanti ha avuto un importante ruolo nella mitologia. L’importanza del torchio strumento fondamentale per la produzione del vino è dimostrata anche dall’elevato significato simbolico attribuitogli nel culto religioso: la vite, il grappolo ed il vino sono tutti elementi presenti nella Bibbia con una forte carica simbolica.

La visita guidata è gratuita, mentre l’ingresso al museo ha il costo di 1 euro e permette di visitare i tre piani delle raccolte e prendere visione dei numerosi video presenti nelle sale. L’esposizione è visitabile fino al 30 settembre. Per informazioni: museo Etnografico del Friuli – palazzo Giacomelli, aperto dal martedì alla domenica dalle 10.30 alle 19 (tel. 0432.271920).

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • I protagonisti della scena letteraria italiana a Lignano grazie agli "Incontri con l'autore e con il vino"

    • Gratis
    • dal 9 luglio al 3 settembre 2020
    • Palapineta nel Parco del Mare
  • Raccontare borgo stazione attraverso la fotografia: l'incontro dell'Arci MissKappa

    • solo domani
    • Gratis
    • 11 luglio 2020
    • Parco Vittime delle Foibe
  • Riprendono gli appuntamenti con Tiziano Possamai per viaggiare nell'inconscio

    • Gratis
    • 15 luglio 2020
    • Spazio Niduh

I più visti

  • Sagra del panzerotto a Cavazzo, la festa è confermata

    • dal 24 July al 2 August 2020
    • Cavazzo
  • Giornata in canoa sul fiume Natisone

    • dal 4 July al 23 August 2020
  • Francesco Gabbani al 60esimo Festival di Majano 2020

    • 26 July 2020
    • Area concerti del festival
  • Opere d'arte tra la natura: riapre il parco Braida Copetti

    • Gratis
    • dal 11 June al 26 July 2020
    • Parco sculture "Braida Copetti"
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    UdineToday è in caricamento