2^ Udine Free Bike, tutti in sella per stare insieme e in salute

Domenica 24 settembre sarà il giorno della seconda edizione della Udine Free Bike, la pedalata ecologica e turistica organizzata dal Dipartimento Salute Mentale e Dipartimento Dipendenze, dalla Cooperativa Cosmo, dall'Associazione Trallallà e dalla Comunità terapeutica La Meta e che vede fra i partner del progetto l'associazione Icaro, la sezione Ana di Udine - gruppo di Villaorba - , la fondazione "Casa dell'Immacolata di don Emilio De Roja, Asd ciclo assi Friuli, il comune di Udine, Italia nostra, Federsanità Anci Fvg e la comunità Meta. La manifestazione ha lo scopo di promuovere il benessere psicofisico e sociale delle persone che afferiscono ai Dipartimenti della Salute Mentale e delle Dipendenze dell'Asuiud. Assieme a loro pedaleranno ciclisti esperti e meno esperti accomunati dal desiderio di passare una giornata di festa all'insegna della bicicletta.

Il programma prevede un percorso di circa 24 Km, con partenza dal parco S. Osvaldo, che si snoderà per le strade dei comuni di Udine e Tavagnacco e si concluderà di nuovo al parco. La quota di iscrizione di 10 euro comprende l'assicurazione, la maglietta e un buono per il pasta party. Le persone che vorranno, invece, raddoppiare la solidarietà possono fare un versamento superiore ai 10 euro e/o donare un libro che sarà utilizzato per incrementare la biblioteca del carcere di Udine e riceveranno la medaglia in ceramica fatta a mano da alcune persone residenti in carcere e dai giovani del Sert, servizio per le tossicodipendenze, di Udine. Gli ospiti della comunità Meta insieme agli operatori della cooperativa Cosmo hanno invece realizzato l'impostazione grafica, maglietta e sito web.

La presentazione

A presentare l'iniziativa, oggi nel palazzo della Regione a Udine, in una conferenza stampa, è intervenuta anche l'assessore regionale alla Salute Maria Sandra Telesca. "Un'iniziativa concreta che va nella direzione dell'inclusione perché stare bene significa anche vivere in una comunità in cui ti senti a tuo agio. Un evento che coinvolge tutti i cittadini e a cui hanno collaborato molti soggetti del territorio, dall'Azienda sanitaria alle associazioni di volontariato fino alle istituzioni, e che incentiva i cittadini a mettere in atto una pratica sportiva che noi promuoviamo nei piani regionali di 
promozione della salute. Lo sport è uno degli strumenti della prevenzione della salute: fa bene al fisico e alla mente". Telesca ha sottolineato l'importanza di questa sinergie fra soggetti che ha permesso di dare avvio all'evento cicloturistico ed ha espresso l'auspicio che la manifestazione valorizzi il parco S. Osvaldo: "un luogo che, per il suo passato, può oggi rappresentare il simbolo di un'inclusione vera. In quest'ottica va valorizzato per diventare sede di manifestazioni ricreative e culturali".

Ad illustrare la manifestazione, che quest'anno è dedicata alla memoria di Maurizio Battistutta – fondatore dell'associazione Icaro, garante dei diritti dei detenuti del carcere di Udine - sono intervenuti la consigliera del comune di Udine con delega alla VI circoscrizione Eleonora Meloni e il presidente dell'associazione Trallallà  Massimiliano Goberti che hanno evidenziato in particolare che Udine free bike è una manifestazione cicloturistica non competitiva, senza fini di lucro e aperta a tutti i cittadini con l'idea di fondo di trascorrere una giornata di festa mettendo al primo posto la 
bicicletta, il movimento, la salute e la relazione tra le persone. 

CONTESTO E OBIETTIVI

In un contesto dove le persone con disturbo mentale e dipendenze patologiche sono a rischio di esclusione sociale, solo con la relazione si può affrontare il disagio nella sua duplice faccia reale e sociale , prendendo in causa, assieme ai sintomi e alle manifestazioni morbose, i pregiudizi, le paure e le diffidenze che ancora circondano queste criticità. Gli stereotipi di pericolosità, imprevedibilità e desocializzazione pongono le persone rese deboli e indifese dalla patologia ai margini della società come se l’inabilità di conformarsi alle regole e agli “standard di normalità” o l’abulia, loro attribuita, intesa come rifiuto all’integrazione, dipendesse dalla loro esplicita volontà e consapevolezza. Le difficoltà relazionali e quelle che coinvolgono l’ambito sociale come la discriminazione e lo stigma vanno affrontate in un progetto congiunto dove i servizi pubblici, le cooperative sociali, le associazioni di volontariato ed i privati possono unire le proprie risorse per un fine comune. La leva dello sport interpretato in forma non competitiva ma ludico-amatoriale, modulato da figure di riferimento in grado di veicolare emozioni positive e sentimenti di accettazione nel gruppo, può essere uno strumento agonista in questa realtà di disagio sociale in persone rese deboli e indifese dalle loro difficoltà. Gli obiettivi della manifestazione sono dunque molteplici: l'aggregazione e l’integrazione; mettere in relazione le persone; sensibilizzare ed informare la popolazione;  convincere della concreta possibilità di vivere una socialità positiva con equilibrio pur soffrendo di un disagio mentale e/o di dipendenze patologiche.

Udine Free Bike-3

Udine Free Bike-2

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Manifestazioni, potrebbe interessarti

  • Festa della donna, Andos e Ial lanciano un contest per gli artigiani digitali

    • dal 11 febbraio al 8 marzo 2021

I più visti

  • "Fila a teatro": riparte la rassegna per adulti e ragazzi tra storia, grandi classici, commedia dell'arte e narrazione

    • Gratis
    • dal 19 settembre 2020 al 28 febbraio 2021
  • Tutti in pista, torna lo SkiBus Fvg per Sappada

    • dal 14 febbraio al 14 marzo 2021
  • Tra terra e mare, a Tolmezzo apre la mostra sulle Alpi Carniche di 300 milioni di anni fa

    • Gratis
    • dal 19 febbraio al 6 aprile 2021
    • Palazzo Frisacco
  • Per la prima volta una mostra dedicata a Giovanni da Udine

    • dal 12 dicembre 2020 al 14 marzo 2021
    • Salone del Parlamento del Castello di Udine
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    UdineToday è in caricamento