Primo weekend, la sagra di Godia batte il record

Distribuite 7.500 porzioni di gnocchi contro le 7300 del 2013. E c'è chi arriva fin da Roma

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

Il primo fine settimana di festeggiamenti a Godia ha superato ogni più rosea aspettativa: sono state distribuite 1700 porzioni di gnocchi contro le 1500 dell'anno scorso già nella serata di apertura, arrivando a sfiorare le 7500 contro 7300 nella giornata di domenica. E che la Sagra sia sempre più apprezzata e conosciuta lo dimostrano casi come quello della famiglia Iurettig: «Siamo tre fratelli, e viviamo uno a Cividale, uno a Tricesimo e uno a Roma - raccontano -. Ogni anno ci riuniamo tutti qui, perché è una festa che ci piace e l'abbiamo eletta luogo della riunione di famiglia. Dalla bisnonna ai nipotini, siamo in diciotto».

Grande la soddisfazione degli organizzatori: «Al di là della fortuna con il meteo - commenta il vicepresidente del comitato festeggiamenti, Luca Tonutti - significa che evidentemente offriamo un prodotto di livello qualitativamente alto, cosa a cui la gente è sempre più attenta». Anche i volontari vedono il loro impegno ripagato: «Chi viene a lavorare qui lo fa perché ci crede - afferma Mario, intento alla preparazione degli gnocchi - e se i numeri ci danno ragione, questo è prova di un gruppo coeso». Gruppo che conta anche una cospicua presenza giovanile: «Ho 25 anni, e per me essere qui è una questione di attaccamento a un territorio che sento casa mia - aggiunge Michele, tra una frittura di patate e l'altra -. Ci sono tanti ragazzi più giovani di me, ci vediamo anche durante l'anno, e credo che il fatto di lavorare accanto a chi questa sagra l'ha fondata per poi prenderne il testimone e portare avanti una tradizione secolare sia la cosa più importante».

Particolarmente ricco il programma della domenica, che ha visto le premiazioni dei concorsi. Ad aggiudicarsi il primo posto nelle due sezioni del 5° concorso di disegno per bambini sono state Rosita Zamparo e Caterina Bortolano, mentre nel 2° concorso fotografico per ragazzi e adulti a distinguersi sono stati Silvia Cesca per le scuole medie, Marco Cesca per le scuole superiori, e Anna Marcuzzi per gli adulti. Come da tradizione è stata poi premiata "La patata più pesante": nella fattispecie quella di Marco Vanone di Premariacco, di ben 1.070 g. Via poi alle danze, con il concerto del chitarrista Juan Garrido e lo spettacolo dell'associazione "Viento Flamenco".

Di grande successo anche la pesca gastronomica - con premi offerti da Corte Friulana, Nonino, Tosolini ed altre eccellenze -, nonché la mostra fotografica "Le operose rogge di S. Osvaldo" di Michela Bonan, la rassegna di quadri d'autore di Nello Bettuzzi, e il laboratorio di ceramica "Ceramichiamo".

La Sagra di Godia vi aspetta il prossimo fine settimana, da venerdì 5 a domenica 7 settembre: tra gli eventi culmine, la prima rassegna internazionale di fisarmoncisti "Alpe Adria".

I più letti
Torna su
UdineToday è in caricamento