menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Danzando tra i popoli a Blessano: più di 10mila persone

Si è chiusa la 13a edizione del Festival del Folklore. Ballerini da Slovenia, Slovacchia, Polonia e i Danzerini udinesi. Buono anche il week end "Blessound", dedicato alla musica rock, indie e raggae

Conclusa ieri, domenica 8 settembre, la tredicesima edizione di Danzando tra i Popoli, il festival organizzato dallo storico gruppo folcloristico dei Danzerini Udinesi con la Pro Loco Pro Blessano, che con i suoi sapori, colori e musica, ha registrato diecimila presenze nei due week end di spettacoli. Vincente l’idea degli organizzatori, che hanno deciso per la prima volta di aprire l’evento alla musica indie, pop e rock con Blessound, un fine settimana a Blessano interamente da ascoltare e ballare. Sono saliti sul palco i Pablo Cafè, i Carnicats, i “Maci’s Mobile”, dj Miche e i Radio Zastava. Nel secondo week-end, Danzando tra i popoli è tornato alla consolidata formula del festival folcloristico, con una tre giorni di approfondimenti culturali, sfilate nelle vie del centro di Basiliano e Blessano, esibizioni dei gruppi e cabaret in friulano con Claudio Moretti accompagnato nelle serate da Marzia Nobile elegante nei vestiti della Sartoria Dettagli.

Tre i gruppi ospiti di questa edizione dedicata alla Mitteleuropa che si sono avvicendati sul palco : "Jadlovec" dalla Slovacchia, "Resovia Saltans" dalla Polonia, "Franc Ilec" dalla Slovenia e i padroni di casa, Il Gruppo Folcloristico “Danzerini Udinesi” di Blessano.
Il pubblico ha premiato con la propria presenza la scelta e la qualità dei concerti e delle esibizioni dei gruppi, e ha gradito molto anche l’offerta di eccellenza di prodotti tipici del territorio e anche delle specialità che vengono da tutto il mondo. Novità di quest’anno è stata infatti il chiosco che ha offerto un confronto fra i piatti regionali e quelli dei paesi dei gruppi ospiti. Danzando tra i popoli, anche per questa tredicesima edizione, è stato un’occasione per ascoltare e danzare su tanta buona musica per tutti i gusti allargando i confini culturali, musicali ed enogastronomici. Una grande misticanza di culture e sapori con un eccellente mix musicale tra memoria e contemporaneo che ha rivelato la rinnovata volontà degli organizzatori di promuovere il confronto fra identità diverse, al di là di ogni confine.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Anche la Croazia lancia le isole Covid free

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento