Round Table Udine festeggia i 40 anni donando 2mila euro all'ABIO

Si è svolta sabato sera 30 marzo la cena di gala dell'associazione udinese a Casa Cavazzini, ospitando oltre 120 ospiti

Il museo Casa Cavazzini di Udine è stato la cornice della serata di gala organizzata dell'associazione Round Table di Udine per festeggiare i suoi primi quarant'anni di attività. L'interno ricavato della serata, inoltre, è stato donato a favore dell'ABIO, associazione per i bambini in ospedale.

Beneficenza

Già dalla sua costituzione, avvenuta nel 1979, l'associazione udinese con sedi in tutta Italia e in tutto il mondo si è dedicata ad attività di beneficenza, volontariato e attività sociale a favore di realtà del luogo.

La scuola di Amaro

L'opera tra le più sentite e riuscite della associazione è quella della costruzione della scuola elementare del comune di Amaro, distrutta a seguito del terremoto. L'iniziativa è stata ricordata dall'attuale sindaco del comune Laura Zanella, tra le ospiti della serata. Zanella, commossa, ha voluto ricordare questo gesto e l'impegno continuo dei membri del club nel coltivare l'amicizia con i giovani studenti, spesso coinvolti in attività didattiche e culturali, tra le quali la visita alle Frecce Tricolori, svolta pochi mesi fa.

Gli ospiti

Alla cena di gala hanno preso parte, oltre ai componenti di altre Round Table da varie parti d'Italia e dell'Austria, rappresentanti delle istituzioni come l’Assessore alla Cultura Fabrizio Cigolot, Stefano Boscolo vice presidente regionale del Banco Alimentare con cui la Round Table 24 Udine collabora da anni e la Vice Presidente dell’ABIO Udine Paola Caselli. L'intera serata è stata poi condotta con successo dal presidente dell'associazione, l'avvocato Roberto D'Aronco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il ricavato

Grazie al ricavato della riffa che metteva in palio due preziosi premi donati rispettivamente dall'Atelier Abat-Jour di Michael Genovese e dalla Stamperia d'Arte Albicocco e alle donazioni di imprenditori locali e non (MDT; A + AUD; NO EXIT ROOM; PEVERE TRASPORTI; LEDRAGOMMA; PPM; GOCCIA DI CARNIA; BEAUTY DENTAL CENTER; GRAND HOTEL ASTORIA; CIVIBANK; MUSIC SYSTEM; ISO SYSTEM; TERME FVG; PAROLIN & GAROFOLO; COMUNE DI UDINE) l’associazione ha potuto donare ad ABIO un assegno dall’importo di 2mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le migliori pasticcerie di Udine secondo TripAdvisor

  • Esce la bio di Taylor Mega: la recensione del libraio udinese ha più successo del libro

  • "Negazionista" al liceo: studente sospeso al primo giorno di scuola perché non rispetta le norme anti-covid

  • Nuova apertura al Città Fiera: 2mila metri quadrati dedicati ai più giovani

  • Coronovirus: il contagio non molla e Udine è la città con più nuovi casi in regione

  • Uccide la moglie dopo un diverbio, coltellata fatale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento