Premio Hemingway 2019, tutti i vincitori del concorso

Il premio dedicato ad Ernest Hemingway ritorna con la sua 35esima edizione a Lignano Sabbiadoro, e i vincitori per quest'anno sono: l'autore francese Emmanuel Carrère per la Letteratura, la storica Eva Cantarella per l’Avventura del pensiero, il giornalista Federico Rampini nella sezione Testimone del nostro tempo e l’artista Riccardo Zipoli per la Fotografia. Inoltre, alla giornalista Franca Leosini, dal 1994 autrice e conduttrice del programma cult “Storie maledette” su Rai3, va il Premio Speciale Hemingway 2019 “Dentro la cronaca, dentro la vita”, assegnato dalla Giuria dell’Hemingway con la Città di Lignano Sabbiadoro, nel 60° anno dall’istituzione del comune.

Il premio

Il progetto, dedicato alla figura di Ernest Hemingway, celebra la sua capacità di guardare nel profondo dell'animo umano. In programma anche gli incontri con gli autori, aperti al pubblico e un'occasione per incontrare i vincitori, oltre alla serata di premiazione al CinemaCity di Lignano in calendario per sabato 22 giugno alle 18:30. Ancora, diversi gli eventi collaterali curati dal comune di Lignano, come martedì 18 giugno con un programma di letture a tema nella Chiesetta Santa Maria del Mare (ore 18.30) e prevede ancora mercoledì 19 giugno alle 20.45 al CinemaCity la proiezione del film “Per chi suona la campana” (1943, regia di Sam Wood con Gary Cooper e Ingrid Bergman), dal celeberrimo romanzo di Hemingway, e come sempre il concerto che saluterà il solstizio d’estate all’alba del 21 giugno: l'Accademia d'Archi Arrigoni di San Vito al Tagliamento, diretta dal Maestro Domenico Marson, proporra' nell’Arenile del Faro Rosso, dalle 5, un suggestivo concerto su musiche di Antonio Vivaldi, con l’esecuzione de "L'Estate" da "Le quattro stagioni". Per l’occasione violino solista sarà la talentuosa e giovanissima Natsuho Murata, vincitrice del concorso internazionale "Il piccolo violino magico 2018". Infine domenica 23 giugno, alle 11, il Brindisi al Parco Hemingway, con il racconto di Hemingway e l’inaugurazione del nuovo totem di ingresso.

I vincitori

Il premio Hemingway 2019 per la Letteratura va a Emmanel Carrèreper lo stile incisivo e inconfondibile, che ha saputo portare il dato biografico e autobiografico, raccontato spesso nella sua nudità, a essere la pietra di scandalo intorno a cui ruotano le contraddizioni della nostra società. Nelle sapienti mani di Carrère la vita stessa, ordinaria o spericolata, si trasforma quasi senza scarto in letteratura, con uno sguardo che scandaglia il reale come forma di inesauribile turbamento, o di limite costantemente trasgredito a cui si lega l’esistenza stessa dell’autore. Dal caso di cronaca di Jean-Luc Romand, a Eduard Limonov, a Philip K. Dick o a Paolo di Tarso, Carrère ha raccontato il chiaroscuro di una umanità tormentata e magnifica, criminale e altamente morale, in un intarsio di voci che si intersecano e non smettono di porci domande”. Il pubblico del Premio Hemingway potrà incontrare Emmanuel Carrère venerdì 21 giugno, al centro Kursaal di Lignano Sabbiadoro alle 21: dialogherà con lui il presidente di Giuria Alberto Garlini.

Va alla storica Eva Cantarella il Premio Hemingway 2019 per l’Avventura del pensiero: “attraverso saggi di precisa erudizione e di grande capacità affabulatoria ci ha svelato, quasi portandoceli davanti agli occhi, i più diversi aspetti della vita pubblica e privata nell'antichità classica, dai banchetti alla bellezza, ai giochi, alla magia, alla politica, fino al sesso e all’amore. Eva Cantarella ci ha offerto un ritratto vivo e palpitante della quotidianità antica, facendoci conoscere uomini e donne che scopriamo molto vicini a noi, quasi confusi alle nostre passioni, ai nostri sogni e alle nostre debolezze. Il passato parla al presente e il presente al passato, proprio perché anche le non trascurabili differenze vengono guardate e analizzate con benevolenza e intelligenza per cogliere, nella luce del mito e della storia, i riflessi in grado di illuminare il nostro tempo”. Eva Cantarella incontrerà il pubblico sabato 22 giugno, alle 11 al centro Kursaal, conversando con Gian Mario Villalta.

Il premio Hemingway 2019 nella sezione “Testimone del nostro tempo” va al giornalista Federico Rampini, corrispondente da New York del quotidiano La Repubblica, “per la sua capacità di raccontare i cambiamenti del presente, fornendo ai lettori un’ampia ricognizione delle linee di forza che stanno ridefinendo gli assetti politici e economici globali, dai Paesi emergenti alle corporation della silicon Valley. Osservatore in prima fila, nomade globale che ha descritto la provincia americana di Trump così come la Cina del boom economico, con lucidità di analisi e attenzione alla ricostruzione storica dei fenomeni, Rampini ci ha insegnato a guardare dietro le apparenze della realtà di oggi, per renderci più consapevoli di quello che potrà essere il nostro futuro”. Federico Rampini sarà protagonista di una conversazione
pubblica venerdì 21 giugno, alle 18.30 al centro Kursaal: fresco autore del libro “La notte della sinistra” (Mondadori), a Lignano Sabbiadoro dialogherà con Gian Mario Villalta.

Anche per l’edizione 2019 il Premio Hemingway seleziona una personalità eccellente e innovativa della “fotografia”: è l’artista Riccardo Zipoli, autore del volume In domo Foscari (Marsilio). “Riccardo Zipoli - spiegano le motivazioni - con grande eleganza e qualità tecnica celebra l’anniversario di 150 anni dell’Università di Venezia: un suggestivo esempio di come i fotografi possono raccontare con poetica sensibilità, e non solo banalmente elencare e illustrare il soggetto, evidenziando i significati di una evoluzione storica, poi ricorrendo a un coerente assemblaggio grafico, di una sequenza di immagini, qui coordinate come pagine di un romanzo. Nel Fotolibro In domo Foscari il paesaggio è l’architettura dello storico Palazzo sul Canal Grande di Venezia, esaminato e filtrato anche nei dettagli, cogliendone i silenzi e le atmosfere, facendo infine emergere in questo saggio visivo la storia di un luogo e di una attività culturale di rilievo mondiale qual è l’Università Cà Foscari di Venezia, nella sua complessità sociologica ed estetica, che traspare attraverso il muto ma energico linguaggio della fotografia”. Giovedi’ 20 giugno Riccardo Zipoli sarà protagonista dell’incontro in programma al centro Kursaal alle 18.30, in dialogo con Italo Zannier e con Alberto Garlini. L’appuntamento è organizzato in collaborazione con gli “Incontri con l’autore e con il vino” 2019 di Lignano Sabbiadoro.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Feste d'estate al Parco di Sant'Osvaldo, gli appuntamenti 2019

    • Gratis
    • dal 8 giugno al 14 settembre 2019
    • Parco Sant'Osvaldo
  • I viaggiatori friulani raccontano le loro esperienze nella nuova edizione di "ConVersando di viaggi"

    • dal 9 maggio al 1 agosto 2019
    • Osteria La Ciacarade
  • "Incontri con l'autore e con il vino" di Lignano, tutti gli appuntamenti dell'estate 2019

    • Gratis
    • dal 13 giugno al 5 settembre 2019
    • PalaPineta

I più visti

  • Udinestate 2019, il programma completo di tutti gli eventi

    • dal 7 giugno al 15 settembre 2019
  • I“Maestri” in mostra a Illegio 

    • dal 12 maggio al 6 ottobre 2019
  • Sauris in Festa 2019, il programma

    • Gratis
    • dal 13 al 21 luglio 2019
  • Villa Manin Estate 2019 tra musica, arte, teatro e fotografia: tutti gli appuntamenti

    • Gratis
    • dal 16 giugno al 7 agosto 2019
    • Villa Manin di Passariano
Torna su
UdineToday è in caricamento