menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Al Deposito Giordani è tornato di scena il Plastic Punk? Fest

Due serate di musica nella sala concerti pordenonese, che hanno visto il loro culmine con la presenza dei Punkreas, ormai storica band italiana del genere

Torna anche quest’anno l’evento con il Plastic Punk? Fest, organizzato dal Deposito Giordani in tandem con Sounds Like e il Plastic di Pordenone. Due serate culminate in quella del 22 dicembre, dove in ricorrenza dei 10 anni dalla morte di uno dei padri fondatori del punk (Joe Strummer dei Clash) si sono esibiti i Punkreas, vero gruppo di punta italiano del genere, ormai in attività dal lontano 1989.

Dopo l’apertura dei vincitori della prima serata, gli Hi-Per Grease, ecco che alle 22 e 30 tocca alla band lombarda prendere posto sul palco, e lanciarsi nella perfetta esecuzione di una scaletta che inizia con il nuovo “Noblesse Oblige”, e poi va a proporre brani da tutto il vasto repertorio del gruppo. Non numerosissimo il pubblico in sala, ma i presenti si sono fatti sentire dall’inizio alla fine, anche grazie al carisma dei Punkreas stessi, sempre bravi a mantenere un contatto diretto con i fan, soprattutto in sede live.

Viene quindi omaggiato nel migliore dei modi Joe Strummer, morto il 22 dicembre 2002 per problemi cardiaci, e autore di pagine prestigiose per il punk e lo ska, sia con i Clash, sia come solista e con i Mescaleros; viene omaggiato anche da quella che è stata, soprattutto in ambito nazionale, una delle città più importanti per lo sviluppo del punk rock, con esponenti di livello quali Prozac+ e i primi Tre Allegri Ragazzi Morti. Il punk fa quindi il suo ritorno trionfale a Pordenone con i Punkreas, per una serata da ricordare per tutti i presenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, 12 i decessi, calano i ricoveri e le terapie intensive

Attualità

È di nuovo zona arancione, ecco cosa succede da oggi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento