Parma, Glesie Furlane porta la marilenghe all'università

Proiezione del docufilm "Missus" di Massimo Garlatti-Costa alla facoltà di linguistica dell'ateneo ducale

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

Continua il Missus Tour del docufilm di Massimo Garlatti-Costa “Missus” che racconta le battaglie dei preti di Glesie Furlane per la Messa in lingua friulana: mercoledì 11 ottobre infatti è stato presentato all'Università di Parma, all'interno del corso di linguistica tenuto dal prof. Davide Astori. “Ho voluto inserire il documentario Missus all'interno del mio corso di linguistica perchè è straordinariamente interessante non solo dal punto di vista culturale più generale, ma perchè, come confermano le reazioni dei miei studenti al termine della visione, aiuta a comprendere numerosi aspetti socio-linguistici, meravigliosamente presentati dal regista Massimo Garlatti-Costa” ha sottolineato il prof. Astori dopo la proiezione. Molto soddisfatto anche pre Roberto Bertossi, presidente di Glesie Furlane, presente a Parma col segretario Christian Romanini e il regista Garlatti-Costa.

«È stato emozionante rivedere 40 anni di battaglie illuminare i volti degli studenti» ha commentato Bertossi. Il Missus Tour è iniziato quest'estate grazie all’associazione LeM Italia (lingue del Mediterraneo) e alle Università di Teramo e Università “Federico II” di Napoli, che hanno già portato il film nelle comunità di lingua minoritaria del Sud Italia (grica del Salento, arberesche di Calabria e Sicilia e francoprovenzale di Puglia in collaborazione con l'Università francofona dell'Italia del Sud). A novembre sarà in Trentino-Alto Adige ospite delle comunità linguistiche ladine di Trento e Val di Fassa e di tedesca del Sud Tirolo. Il film proseguirà il suo tour presso le comunità occitane del Piemonte, la comunità slovena in Fvg e quindi sarà proiettato anche in Sardegna. Il Missus Tour si concluderà in Friuli nel periodo dell’Avvento, quando si canta il Missus, tipico rito friulano, nella prima metà di Dicembre riportando “a casa” il film. Il documentario, finanziato anche dall'Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane e dal Fondo Regionale per l'Audiovisivo del Fvg, è sottotitolato sia in italiano sia in inglese per facilitarne la diffusione in un circuito nazionale ed internazionale.

Torna su
UdineToday è in caricamento