"Padri e figli", a Illegio: scatta il conto alla rovescia

Inizia da oggi il conto alla rovescia in attesa della quattordicesima mostra internazionale d’arte che Illegio proporrà dal 13 maggio al 7 ottobre 2018. A svelarne il titolo, che sarà “Padri e figli”, è il curatore della mostra, don Alessio Geretti, sulla pagina Facebook di Illegio: «Illegio vi attende per la nuova ed entusiasmante mostra che stiamo preparando per voi. Possiamo già svelarvi il titolo: ‘Padri e figli.  Oltre 60 opere da tutta Europa, dal IV secolo avanti Cristo fino al XX secolo ci faranno scoprire e meditare il legame forse più de-cisivo della nostra vita. Non tutti diventeremo padri, tutti però siamo figli e in qualche modo por-tiamo un padre dentro di noi. Ci potremmo accorgere che diventare padre non significa sempli-cemente generare qualcuno, ma assumersi la cura del suo destino con un atto di dedizione straordinario. La storia di padri che vogliono che i figli diventino più grandi di loro, e quella di padri che invece temono la grandezza dei loro figli. La storia di padri che hanno sorriso per i loro figli e di quelli che li hanno pianti, e la storia di figli che hanno gioito per i loro padri o che hanno pianto i loro padri, ci prenderà al cuore e agli occhi grazie allo splendore di opere intense e spirituali, che ci aiuteranno a meditare molto. Come sempre le mostre di Illegio non faranno solo un ottimo ef-fetto alla nostra sensibilità ma ci aiuteranno a pensare e vivere».

Le opere

Tra un mese saranno invece disvelati l’elenco delle opere e quello degli autori, insieme agli ele-menti di innovazione e agli eventi che accompagneranno per cinque mesi la vita culturale del Friu-li Venezia Giulia confermando Illegio come polo artistico trainante della regione. Il borgo carnico di Illegio - dopo il successo da record ottenuto da “Amanti. Passioni Umane e Di-vine” con quasi 40 mila visitatori - mette in scena un nuovo straordinario appuntamento d’arte per aiutare a ripensare e a vivere uno dei legami più decisivi, quello tra padre e figlio, e tra padre e figlia, legame talvolta tenero, talvolta tormentato, umanissimo eppure anche divino. Sono quasi 350mila i visitatori che dal 2004 al 2017 hanno potuto apprezzare le raffinate scelte artistiche e la profondità spirituale dei temi proposti dal Comitato di San Floriano e da don Alessio Geretti, partendo dal principio che l’arte parla a nome del lato spirituale della realtà e che abbia-mo bisogno di rimetterci in ascolto di esso, aiutati dalla bellezza. La mostra presenterà ai visitatori oltre 60 capolavori da prestigiose sedi d’Italia e d’Europa. Con-solidate partnership con musei pubblici e collezioni private offriranno la possibilità di ammirare opere provenienti, ad esempio, da Parigi, Londra, Mosca, Vienna, Varsavia, Zagabria, Bilbao, ac-canto a capolavori rintracciati in località assai meno note come “scrigni d’arte” (come Pau, Quim-per, Ajaccio…) che porteranno il contributo inedito di opere mai esposte prima d’ora in Italia. Accanto ad esse, sarà notevole la componente italiana con prestiti da Roma, Firenze, Venezia, Na-poli, Milano e molte altre sedi. Un percorso tematico che si snoderà attraverso più di duemila anni di storia: l’opera più antica della mostra è del 370 a.C., la più vicina a noi nel tempo è del 1925.

San Floriano

Organizzatore della mostra, curata da don Alessio Geretti, è il Comitato di San Floriano, che dal 2004 realizza le mostre internazionali ad Illegio, oltre ad altre mostre in Italia, a Bruxelles e presso la Santa Sede. Così, nel piccolo paese di Illegio, antico borgo incastonato tra i monti della Carnia, di soli 360 abitanti, sono transitati in questi anni circa 350 mila visitatori. ILLEGIO – Si è periferia soltanto dove si vuole esserlo. Le mostre come provocazione spirituale e strategia di sviluppo. Illegio è un borgo alpino di 360 abitanti in Carnia, Friuli Venezia Giulia, raccolto in una conca circon-data da una corona di monti a 700 metri d’altitudine. Negli ultimi anni il paese, nel quale si intrecciano arte, storia, tradizione, archeologia, spiritualità e natura, insieme a sapori e profumi, grazie alle an-nuali mostre d’arte ha coinvolto 300 prestatori – tra essi, i massimi musei del mondo – e offerto il fa-scino di 1000 opere richiamando, dal 2004 a oggi, circa 350 mila visitatori e raggiungendo una fama di respiro europeo, accompagnata da costante successo di critica e stampa. Un piccolo miracolo, di cui gli stessi abitanti sono i protagonisti, ha trasformato Illegio da periferia di montagna, dove termina la strada che vi sale, in una splendida meta di bellezza e in un caso inte-ressante di impresa culturale e di proposta spirituale. Il Comitato di San Floriano è nato nel 2003 con l’intento di dare un contributo concreto all’inculturazione della fede e all’evangelizzazione della cultura, a partire da Illegio. Dal 2004, mille-settecentesimo anniversario del martirio di san Floriano di Lorch, patrono del paese – a cui fu dedi-cata la prima mostra internazionale –, ogni anno il Comitato, in collaborazione con istituzioni civili ed ecclesiastiche, propone mostre tematiche internazionali, con grandi capolavori dai maggiori musei del mondo, offrendo importanti approfondimenti iconografici e veri e propri itinerari di fede e bellezza su alcuni temi fondamentali per la civiltà occidentale d’oggi, capaci di avvincere il non credente e di arricchire il credente. Un gruppo di giovani del luogo, preparati sui versanti artistico e teologico, ac-compagnano tutti i visitatori mettendo a disposizione le chiavi di lettura dei gioielli d’arte esposti e decodificando il loro affascinante simbolismo.

I numeri

Alcuni numeri lasciano comprendere come l’avventura di questi anni sia davvero un caso di sinergia tra fede e cultura, tra cultura e turismo, tra turismo e sviluppo sociale. 350 mila visitatori complessivi a Illegio. 1000 opere d’arte esposte. 300 prestatori nazionali e internazionali, tra musei, gallerie, collezioni private (tra essi: Musei Vaticani, National Gallery di Londra, Louvre e D’Orsay di Parigi, Prado e Thyssen-Bornemisza di Madrid, Gemäldegalerie di Berlino, Hermitage di San Pietroburgo, Galleria Tret’jakov di Mosca, Kunsthistorisches e Belvedere di Vienna, Galleria degli Uffizi di Firenze, Pinacoteca di Brera, Museo Nazionale di Capodimonte, Gallerie dell’Accademia di Venezia). Oltre alle 4 mostre dedicate all’arte cristiana in Carnia dal 2000 al 2003, alle 14 mostre inter- nazionali che Illegio ha progettato dal 2004 a oggi si uniscono anche 6 mostre straordinarie con complessivi 500mila visitatori (Bruxelles ai Musei Reali, Musei Vaticani, Palazzo Venezia, 3 mostre per l’Anno della Fede a Roma, su invito di istituzioni della Repubblica Italiana e della Santa Sede), 2 mostre a Tolmezzo e 2 mostre a Udine, tra cui l’esposizione del Battesimo di Cristo di El Greco, da Toledo, nell’atrio dell’Ospedale Civile. Restauri di 100 opere d’arte appartenenti al patrimonio culturale nazionale ed europeo. Campagne di scavi archeologici a Illegio con ritrovamento di 3 siti ecclesiastici (uno risulta essere la chiesa rurale più antica dell’intero arco alpino) e di alcuni siti fortificati di epoca tar-doantica. 21 libri d’arte e di storia, 2 CD sul patrimonio musicale antico del paese. Rapporti di collaborazione con oltre 100 studiosi provenienti da tutta Europa. Più di 100 giovani formati alle competenze dell’iconologia teologica per accogliere ed accompa-gnare i visitatori in mostra.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

I più visti

  • Antichi abitatori delle grotte in Friuli

    • dal 3 marzo 2021 al 25 febbraio 2022
    • Castello di Udine
  • Udine, la città inquieta, prosegue l'esperienza teatrale del Css. Promozioni fino al 3 dicembre

    • dal 11 novembre 2020 al 30 aprile 2021
    • Centro storico
  • La Fondazione de Claricini "mette in luce" Dante, un anno di eventi in tutto il Friuli

    • dal 25 marzo al 30 dicembre 2021
    • villa de Claricini (Bottenicco di Moimacco), Udine, Pordenone, Cividale, Tolmino
  • Superbonus 110%, 3 giorni e 13 webinar gratuiti per rispondere a tutte le domande

    • Gratis
    • dal 15 al 17 aprile 2021
    • Web
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    UdineToday è in caricamento