L'osteria diventa "di strada", il food truck "dei tagli" alla scoperta del Friuli

Il Covid ha fatto da stimolo per il progetto di Michele Boffito: "Ho deciso di portare tutto questo all’aperto cambiando di volta in volta location"

Un nuovo progetto ai tempi del Covid  è quello a cui ha pensato Michele Boffito, titolare, ormai da quasi sette anni, della storica Osteria alla Speranza di Tarcento. Troppe restrizioni, ma tanta voglia di fare per tornare a far sorridere durante e dopo il lockdown. “Durante la quarantena pensavo a come far sorridere i miei clienti e gli amici e mi sono cimentato in video divertenti in diretta sulla pagina Facebook dell’osteria orientandomi su diversi temi, soprattutto enogastronomici. Poi la riapertura del locale e nonostante i posti a sedere all’esterno, già pensavo a cosa sarebbe successo con l’avvicinarsi della stagione fredda”.

Il progetto

La voglia di portare l’osteria per le strade della regione c’è sempre stata, ma diventa realtà quando, per effetto dell’emergenza Covid, nasce la consapevolezza che il Friuli Venezia Giulia offre diversi posti incantevoli da un punto di vista paesaggistico che pochi conoscono o di cui ci si ricorda solo in determinati momenti. Nasce così il primo food truck alla scoperta di posti panoramici immersi nella storia e nella natura della regione. La prima uscita ufficiosa, con un food truck anonimo, è stata realizzata sulle rive del torrente Vedronza durante il fine settimana di Ferragosto ed ha fatto conoscere solo alcune delle prelibatezze del food truck. “Mi son messo nei panni di chi ha piacere di divertirsi, di chi ama il buon cibo e un buon calice, ma evita gli spostamenti per effetto del Covid. Così ho deciso di portare tutto questo all’aperto cambiando di volta in volta location. Inoltre il nostro food truck si muoverà su prenotazione anche nelle “case” di quanti vorranno organizzare eventi privati”.

Michele Boffito

osteria.strada-3

L’Osteria di Strada

L’Osteria di strada proporrà diverse elaborazioni gastronomiche a seconda della location. Si spazierà dal servizio veloce nella preparazione del finger food sino alla cottura a bassa temperatura o sulle braci. Affrontare catering, festival goliardici o eventi privati sarà all’ordine del giorno. L’Osteria di strada sarà anche birreria, enoteca e gintoneria itinerante.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Prossima tappa

Dopo Vedronza, sarà la volta del Castellaccio di Tarcento, il Cjastelat già noto per il famoso Pignarûl che si tiene durante l’Epifania. Il food truck arriverà il 12 settembre dalle 7 del mattino cominciando con deliziose colazioni a base di pancetta e uova e sosterà sino a mezzanotte proponendo come piatto forte le polpette homemade con diversi sughi e altre  prelibatezze. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuove regole da stasera: cosa succede per scuole, bar e ristoranti

  • A Codroipo apre "Molo12", il ristorante di pesce di uno chef stellato

  • Covid: C'è una vittima ed è boom di contagi, in Fvg oggi sono 219 i nuovi positivi

  • Fedriga: "Misure restrittive proprio per evitare un nuovo lockdown"

  • Bar aperti oltre la mezzanotte, c'è una prima "vittima" delle nuove regole

  • Annullate le sagre, ma a Udine c'è un posto dove poter mangiare castagne con la ribolla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento