Cene-laboratorio e piatti inediti di alta cucina accessibili a tutti: al via il progetto "La Nuova Cucina"

L'iniziativa, organizzata dal Consorzio Friuli Venezia Giulia Via dei Sapori, partirà a settembre in tutta la nostra regione

"La Nuova Cucina" è l'ultimo progetto ideato dal Consorzio Friuli Venezia Giulia Via dei Sapori, che proprio quest'anno compie 20 anni e vuole aprire, quindi, un nuovo capitolo della sua storia. Il progetto avrà la durata di un anno e sarà aperto al pubblico grazie all'iniziativa delle "cene-laboratorio", che partirà a settembre.

Il consorzio

Friuli Venezia Giulia Via dei Sapori comprende 20 top restaurant del Fvg, affiancati da una quarantina fra vignaioli e artigiani del gusto. Insieme, rappresentano l’eccellenza agroalimentare della nostra regione. La loro è una storia unica, che vede l’intrecciarsi di persone, luoghi e grande voglia di fare al meglio il proprio lavoro. Con un grande valore aggiunto: collegare il bene personale a quello generale del territorio, che hanno sempre contribuito a promuovere.

Il progetto

“L’abbiamo chiamata La Nuova Cucina, perché oggi più che mai è arrivato il momento di stabilire un nuovo canone di qualità nella ristorazione – spiega il presidente del consorzio Walter Filiputti -. E non può che venire dalla nostra terra, da sempre esempio di ripartenza e ricostruzione”. L'unicità del Fvg, quindi, sarà raccontata da 20 ristoranti, 21 artigiani del gusto, 22 produttori di vino e 20 giovani chef che sono stati invitati a partecipare al progetto. “La Nuova Cucina è un ritorno all’alfabeto della cucina stessa, un modo per stringere un patto nuovo con il territorio di cui facciamo parte – continua Filiputti -. Infatti, si ripartirà dagli ingredienti del Friuli Venezia Giulia e non dalle ricette tradizionali. Si deve avere il coraggio di sperimentare in campi nuovi, dare vita a nuove suggestioni, ritrovando un equilibrio diverso con la natura e con l’ambiente, anche per un rinnovato modello di turismo sostenibile. Ripartire da 0 non significa buttare tutto il lavoro che fino a oggi è stato fatto, ma riorganizzare il sapere secondo nuove strutture. È importante avere memoria del nostro passato, ma non rimanerne ancorati. Il bisogno di liberarsi da schemi preconcetti per poter stupire e stupirci è un motore eccezionale”.

Quando e come

Il progetto durerà un anno e sarà aperto al pubblico grazie al ciclo di cene-laboratorio, che partiranno a settembre. Come funzionerà? Nei 20 ristoranti del consorzio sarà organizzata una cena sperimentale firmata da due chef del consorzio e da un giovane chef “amico”. Ognuno presenterà un piatto inedito cui ha a lungo lavorato confrontandosi coi colleghi. Le cene avranno un prezzo unico e accessibile, un investimento del gruppo di ristoratori per far vivere – anche a chi solitamente non la frequenta – l’alta cucina, in una nuova dimensione. Gli appuntamenti saranno via via svelati sul sito www.fvg-lanuovacucina.it, dove sono raccontati tutti gli attori del progetto e dove si potrà seguire nei prossimi mesi il percorso.

Il calendario

Questo il calendario delle cene-laboratorio, che andranno prenotate direttamente al ristorante prescelto. Saranno accettate prenotazioni per un massimo di 6 partecipanti a tavolo. Il costo sarà il medesimo per tutte.

SETTEMBRE
03/09
Ilija - Golf club (Tarvisio)
che ospita gli chef dei ristoranti: Al Paradiso, Darsena
La Subida (Cormons)
che ospita gli chef dei ristoranti: Costantini, Al Torinese

10/09
Sale e Pepe (Stregna)
che ospita gli chef dei ristoranti: Al Ponte, Barcaneta
Ai Fiori (Trieste)
che ospita gli chef dei ristoranti: La Taverna, 1883 Restaurant & Rooms

17/09
All'Androna (Grado)
che ospita gli chef dei ristoranti: Mondschein, Da Valeria
La Torre (Spilimbergo)
che ospita gli chef dei ristoranti: Da Nando, Antica Ghiacceretta
Da Toni (Varmo)
che ospita gli chef dei ristoranti: La Primula, La Pigna

24/09
Vitello d'Oro (Udine)
che ospita gli chef dei ristoranti: Devetak, Altro Gusto
Al Gallo (Pordenone)
che ospita gli chef dei ristoranti: Carnia, La Tavernetta del Castello
Al Grop (Tavagnacco)
che ospita gli chef dei ristoranti: Campiello, Sal de Mar

OTTOBRE
01/10
Lokanda Devetak (Savogna d’Isonzo)
che ospita gli chef dei ristoranti: La Primula, Da Alvise
La Taverna (Colloredo di M. Albano)
che ospita gli chef dei ristoranti: Sale e Pepe, AB Osteria Contemporanea

08/10
Al Ponte (Gradisca d’Isonzo)
che ospita gli chef dei ristoranti: Vitello d'Oro, Il Piron dal Re
Mondschein (Sappada)
che ospita gli chef dei ristoranti: All'Androna, La Buteghe di Pierute

15/10
Da Nando (Mortegliano)
che ospita gli chef dei ristoranti: Ilija -Golf club, Pura Follia
Carnia (Venzone)
che ospita gli chef dei ristoranti: Al Grop, Alla Luna

22/10
Campiello (San Giovanni al Natisone)
che ospita gli chef dei ristoranti: Al Gallo, Hostaria La Tavernetta
La Torre (Spilimbergo)
che ospita gli chef dei ristoranti: Ai Fiori, San Michele

29/10
Costantini (Collalto di Tarcento)
che ospita gli chef dei ristoranti: Da Toni, Tre Merli
Al Paradiso (Paradiso di Pocenia)
che ospita gli chef dei ristoranti: La Subida, Enoteca di Buttrio

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg con il fiato sospeso per il mini-lockdown, la lista dei comuni a rischio

  • Covid: 1197 contagi in un giorno e 13 nuovi decessi, è spettro zona rossa

  • Covid e bombole d'ossigeno, l’azienda friulana: «Non riceviamo ordini da mesi»

  • Nuova ordinanza della Regione, ecco cosa non si può più fare

  • Schianto lungo la strada regionale: perde la vita una donna

  • Il Friuli Venezia Giulia rischia la zona rossa

Torna su
UdineToday è in caricamento