No Borders, in 12mila per la maratona musicale con Roy Paci, Levante e Vinicio

Record di spettatori in una sola giornata per il festival, con musica dalle 8 e 30 del mattino al tardo pomeriggio

Levante sul palco del No Borders (foto di Simone Di Luca)

No Borders, no limits. Potrebbe sintetizzarsi così il sabato del festival tarvisiano. In quasi 12 mila (record assoluto per la manifestazione) sono saliti ai laghi di Fusine per i concerti di giornata. Giovani, adulti, bambini, nonni, sono arrivati a piedi, in bicicletta e con i bus navetta messi a disposizione gratuitamente dall’organizzazione per vivere una giornata diversa, per ammirare da vicino la bellezza dei laghi di e per ascoltare i suoni prodotti da star nazionali e internazionali di infinito spessore artistico e umano. Quattro concerti per un Festival nel festival e soprattutto per una vera festa della musica in mezzo alla natura.

La giornata ha preso il via già alle 8:30 del mattino con “Lake Sound”, il Concerto del Risveglio sulla zattera posizionata al centro del lago superiore e il pubblico seduto attorno che ha applaudito dall’inizio alla fine la super band cosmopolita composta da Trilok Gurtu alle percussioni, Roy Paci alla tromba, Jacques Morelenbaum al violoncello e Carlo Cantini al violino, esibitasi per la prima volta insieme, appositamente per l'occasione, realizzando una sorta di “suite” di quasi un’ora e un quarto che ha letteralmente trasportato il pubblico in un viaggio dall’India di Trilok al Brasile di Morelenbaum, passando per l’Italia di Roy Paci e Carlo Cantini. 

Dopo un break tecnico necessario per preparare il palco principale sul prato del lago superiore alle 12 è partito “Al pascolo. concerto per bestie e uomini”, l’atto unico di Vinicio Capossela pensato per il pubblico eterogeneo del No Borders che per la prima volta ha potuto ascoltare, cantare e ballare i brani dell’ultimo album “Ballate per uomini e bestie”, un’opera dalla enorme forza espressiva che si è già aggiudicato la Targa Tenco 2019 per il “Migliore disco dell’anno”.

A seguire è stata la volta di Levante, la star del nuovo pop tricolore, icona di stile naturale e versatile, che è stata applaudita e acclamata per tutta l’ora della sua intensa esibizione con i brani che l’hanno fatta conoscere al grande pubblico (da "Alfonso" a "Sei un pezzo di me") e Lo stretto necessario, il brano realizzato assieme a Carmen Consoli che anticipa il suo nuovo album di inediti, “Magmamemoria”, in uscita il prossimo 4 ottobre.

Poi il gran finale danzereccio con la Plaza Francia Orchestra, il progetto 3.0 di Christopher Müller ed Eduardo Makaroff dei Gotan Project, che ha fatto ballare tutto il pubblico al ritmo di tango elettronico, l’inconfondibile cifra stilistica di una delle più importanti band del nuovo millennio.

Si è confermata davvero una formula vincente, quella della musica in mezzo alla natura, fortemente voluta dal No Borders Music Festival che proseguirà con tre appuntamenti al Rifugio Gilberti a Sella Nevea: il concerto acustico di Morelenbaum in programma alle 9:30 di domenica 4 agosto, il “Mystery Concert” – il concerto segreto senza annunciare l’artista – in programma domenica 11 agosto e infine il concerto finale con Max Gazzè previsto alle ore 14:00 di mercoledì 14 agosto per un’edizione davvero infinita.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operaio trovato morto in casa a soli 42 anni

  • Tira un pugno in faccia ad una donna incinta e fugge, sconcertante episodio a Friuli Doc

  • Provoca i giocatori dell'Udinese, scatta il parapiglia e poi scappa

  • Violento schianto in A34, muore bimba di quattro mesi

  • Scontro in A4, 23enne udinese incastrato nell'abitacolo di un'auto

  • I luoghi di Friuli Doc 2019: le mappe con tutte le informazioni

Torna su
UdineToday è in caricamento