“Oltre il Bianco/Nero. Il colore”: esposizione di ceramica raku

Inaugura sabato 17 ottobre alle ore 11.00, la nuova mostra a cura dell’Associazione C’ERAKU, dal titolo “ Oltre il Bianco/ Nero. Il colore. “ Un traguardo importante per il gruppo di artigiani/artisti guidati da Luciano Beltramini, vista la prestigiosa sede dell’evento: Palazzo Giacomelli, Museo Etnografico della città di Udine. L’esposizone esplora vari aspetti della vita e non è solo contrapposizione cromatica. “Attraverso gli oggetti realizzati , spiega Luciano Beltramini, anima dell’associazione, abbiamo esplorato vari aspetti della vita e li abbiamo sviluppati con oggetti diversi quali piatti, vasi, pannelli. Nella sala espositiva il pubblico troverà anche un totem, alto due metri intersecato da piastrelle policrome a simboleggiare il percorso culturale dell’associazione che in questi anni è andata crescendo.”

La mostra delle opere di Carla Supino, Patrizia Belli, Paolo Gallici, Monica Marcolin, Vilma Scarbolo, Nadia Visintin, Lauretta Zolli e lo stesso Luciano Beltramini, è frutto  della conoscenza della tecnica millenaria del raku. 

Il raku, è una tecnica di origine giapponese, nata in sintonia con lo spirito zen, in grado di esaltare l'armonia presente nelle piccole cose e la bellezza nella semplicità e naturalezza delle forme. L'origine del raku è legata alla cerimonia del tè: un rito, realizzato con oggetti poveri, il più dei quali era la tazza, che gli ospiti si scambiavano l'un l'altro. Le sue dimensioni erano tali da poter essere contenuta nel palmo della mano.

Il termine giapponese raku significa letteralmente "comodo, rilassato, piacevole, gioia di vivere", deriva dal sobborgo di Kyōto da cui veniva estratta l'argilla nel sedicesimo secolo. Da quel momento divenne anche il cognome e il sigillo della stirpe di ceramisti discendente da Chojiro, inventore della tecnica, tuttora attiva in Giappone. Nel diciottesimo secolo, venne pubblicato un manuale che ne spiegava nel dettaglio la tecnica, e da allora il raku si diffuse anche al di fuori del Giappone. Le ceramiche raku sono molto quotate e ricercate. Molte di queste sono delle vere e proprie opere d'arte e possono essere ammirate, infatti, in musei e in collezioni private.

 “L'innovazione più importante, spiega Luciano Beltramini, rispetto alla tecnica tradizionale è quella che prevede una post cottura riducente anzi che ossidante: il pezzo cioè, una volta estratto dal forno viene inserito in un recipiente contenente foglie, paglia, segatura o altro materiale infiammabile. Tale operazione innesca una combustione che viene subito soffocata dal ceramista artigiano, generando un'atmosfera riducente che avvolge il pezzo. Questo processo determina, in combinazione con gli ossidi dello smalto particolari effetti e sfumature, spesso unici e casuali ed ogni esperto ceramista saprà ripetere di volta in volta la sequenza ed i tempi necessari ad ottenere un determinato effetto”.

La mostra che verrà presentata sabato da Anna Maria Pittana è visitabile da martedì a domenica, dalle 10.30 alle 17.00.  Nelle giornate di domenica saranno presenti gli artigiani. 

Per informazioni: Museo: 0432 271920; Luciano Beltramini 3475227606, 0432 670365

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

I più visti

  • Antichi abitatori delle grotte in Friuli

    • dal 3 marzo 2021 al 25 febbraio 2022
    • Castello di Udine
  • Udine, la città inquieta, prosegue l'esperienza teatrale del Css. Promozioni fino al 3 dicembre

    • dal 11 novembre 2020 al 30 aprile 2021
    • Centro storico
  • La Fondazione de Claricini "mette in luce" Dante, un anno di eventi in tutto il Friuli

    • dal 25 marzo al 30 dicembre 2021
    • villa de Claricini (Bottenicco di Moimacco), Udine, Pordenone, Cividale, Tolmino
  • Superbonus 110%, 3 giorni e 13 webinar gratuiti per rispondere a tutte le domande

    • Gratis
    • dal 15 al 17 aprile 2021
    • Web
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    UdineToday è in caricamento