A Zuglio una mostra racconta il sistema viario romano

  • Dove
    Museo Civico
    Indirizzo non disponibile
    Zuglio
  • Quando
    Dal 05/08/2014 al 31/08/2014
    mercoledì e giovedì dalle 9,00 alle 12,00, dal venerdì alla domenica dalle 9,00 alle 12,00 e dalle 15,00 alle 18,00
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

"In viaggio verso le Alpi. Itinerari romani dell’Italia nord-orientale diretti al Norico" è il titolo della mostra allestita nelle sale del Museo Civico di Zuglio che racconta il faticoso viaggio che si doveva intraprendere da Aquileia per raggiungere le regioni a nord delle Alpi, attraverso un ricco apparato illustrativo e una scelta significativa di reperti provenienti dai Musei Archeologici Nazionali di Aquileia e di Cividale, dai Civici Musei di Udine e dal Museo Carnico delle Arti Popolari “Michele Gortani” di Tolmezzo.

L'esposizione rimarrà aperta al pubblico fino al 31 agosto 2014 e sta riscuotendo molto successo tra studiosi e appassionati provenienti dal Friuli, dall’area veneta e trentina nonché dalle vicine Slovenia e Austria. Il piccolo centro della Carnia a pochi chilometri da Tolmezzo si sviluppa infatti in coincidenza di Iulium Carnicum, la città romana più settentrionale d'Italia ubicata lungo il tragitto di una delle arterie di collegamento tra Aquileia e Aguntum (l’odierna Dolsach nei pressi di Lienz in Austria).

La mostra ricostruisce con precisione topografica il tragitto di questi percorsi tenendo conto dei dati derivati non solo dalle carte itinerarie, cioè le guide stradali che servivano per viaggiare nell'antichità, ma anche dalla lettura delle iscrizioni, in particolare quelle sui cippi miliari, dalla toponomastica, dall’esame della distribuzione dei siti archeologici, dalle ricognizioni sul terreno e dalla lettura delle fotografie aeree.

I reperti esposti sono stati selezionati per rendere fruibili al pubblico alcuni significativi rinvenimenti avvenuti in prossimità delle arterie. Ampia è la sezione dedicata alle necropoli aquileiesi, rappresentate anche da tombe con ricco corredo tra cui si distingue quello della "Signora degli anelli", formato da tre splendidi anelli in ambra, decorati da motivi riconducibili al dio Dioniso, alla dea Cibele e ad antiche superstizioni. I materiali illustrano importanti siti come quello di Sevegliano, cruciale snodo viario già in età repubblicana, e raccontano la straordinaria scoperta avvenuta agli inizi del Novecento a Vergnacco, frazione del comune di Reana del Rojale. Qui fu recuperato un tesoretto di monete d'argento oggi conservate presso il medagliere del Museo Archeologico Nazionale di Cividale. I 420 denari comprendono emissioni databili tra il 157 a.C. e il 2-4 d.C., con una netta incidenza di esemplari riconducibili alle monete “legionarie” di Marco Antonio (32-31 a.C.).

La mostra è visitabile il mercoledì e giovedì dalle 9,00 alle 12,00, dal venerdì alla domenica dalle 9,00 alle 12,00 e dalle 15,00 alle 18,00.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • A Illegio è l'anno dei "Maestri": c'è anche Picasso

    • dal 12 maggio al 6 ottobre 2019
    • Casa delle esposizioni
  • "Trame Longobarde: tra architettura e tessuti", la mostra a Cividale del Friuli

    • dal 28 marzo al 27 ottobre 2019
    • Monastero di Santa Maria in Valle
  • La città di Aquileia celebra i suoi 2200 anni di fondazione con la mostra "Magnifici Ritorni"

    • dal 6 giugno al 20 ottobre 2019
    • Museo Archeologico Nazionale di Aquileia

I più visti

  • I“Maestri” in mostra a Illegio 

    • dal 12 maggio al 6 ottobre 2019
  • A Illegio è l'anno dei "Maestri": c'è anche Picasso

    • dal 12 maggio al 6 ottobre 2019
    • Casa delle esposizioni
  • Alla scoperta del bunker sotto il castello di Udine grazie alla mostra After Hiroshima

    • da domani
    • Gratis
    • dal 21 al 22 settembre 2019
    • Rifugio antiaereo - bunker del Castello di Udine
  • Castelli aperti in Friuli: l'elenco completo dei manieri visitabili

    • dal 5 al 6 ottobre 2019
Torna su
UdineToday è in caricamento