menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Stefano Gri e Piero Zucchi

Stefano Gri e Piero Zucchi

Da Udine a Lubiana, l'esposizione degli architetti Gri e Zucchi

Nella capitale slovena in mostra le opere architettoniche dei due professionisti udinesi. Dal 20 ottobre e fino al 24 novembre le foto delle realizzazioni esposte alla Galerija Dessa

Le realizzazioni di Geza (studio degli architetti udinesi Stefano Gri e Piero Zucchi) saranno protagoniste di “Aperture”, mostra monografica di architettura ospitata dalla Galerija Dessa di Ljubljana dal 20 ottobre al 24 novembre 2014. 

Nell’esposizione tre “trittici” - Concrete, Tradition e Landscape - uniscono un luogo del lavoro e un luogo dell'abitare, facendo da guida negli intrecci di ricerche che compongono il mondo complesso delle architetture di Geza. 

In tale senso, il titolo della mostra, “Aperture”, che gioca sul concetto italiano di “apertura” e sul “diaframma” fotografico inglese, appare paradigmatico. La capacità di zoomare di scala è una delle prime cose che si notano nelle opere esposte. Nei progetti ci sono elementi che si vedono da lontano ed elementi che si vedono da vicino, grandi ricchezze artigianali che si svelano solo all'ultimo. 

Fondamentale è anche il tema dell'incorniciare, ovvero del scegliere dove e cosa vedere del dentro e da dentro al fuori. E' una costante che permette a Geza di creare un'architettura che si confronta davvero con il paesaggio, ma non perché è il “naturale” a fare il mestiere dell'architetto, ma perché l'architettura decide sempre, con consapevolezza e coraggio, cosa far vedere.
L'architettura proposta da Gri e Zucchi è un confronto tra il dentro e il fuori: per questo aprono cornici, viste e finestre che sono parti integranti delle superfici del progetto per creare contatti – quasi mai pacifici - tra le parti. Sapendo che alterarne il ritmo, accelerare, comprimere, allargare sono strumenti antichi con cui il progettista elabora gli spazi. Strumenti che si declinano con il disegno preciso di ogni singolo dettaglio.

Ne esce un lavoro molto educato e rispettoso dell'architettura e dei clienti, delle condizioni ambientali, del contesto, di tutti i vincoli che il mestiere pone, ma mai rinunciatario del ruolo dell'architettura nel mondo e dell'architetto nel fare l'architettura.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, in Fvg 267 nuovi contagi e 12 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento