Udine, mostra dedicata ad Albert Chiarandini

Una retrospettiva per rendere omaggio a un maestro della pittura. Un magistrale ritrattista, tenero osservatore delle cose più umili, un arguto psicologo che ha usato il pennello per rivelare gioie umane e dolori.

Nel centenario della nascita di Albert Chiarandini, pittore udinese emigrato in Canada nel 1932, la Georgina Arts Centre & Gallery dell’Ontario, in collaborazione con il Centro di Cultura canadese dell'ateneo friulano e il Comune di Udine, ha organizzato una mostra pittorica che aprirà i battenti venerdì 18 settembre alle 17.30. Un taglio del nastro che si svolgerà simbolicamente in sala Ajace prima di spostarsi a visitare l'esposizione allestita nell'adiacente Salone del Popolo, dove resterà esposta fino al 16 ottobre.

L’iniziativa, curata da Ewa Chwojko, è stata resa possibile grazie al sostegno della Fondazione Crup, della Camera di Commercio di Udine e della Digas Srl.  Saranno in esposizione una trentina di lavori giunti dal Canada che abbracciano l’intera vita dell’artista. Nelle opere selezionate per questa retrospettiva, accompagnata da un catalogo in italiano e inglese, emerge il vero spirito di Chiarandini, uomo appassionato che sapeva trasformare i paesaggi in accattivanti pezzi d'arte. Durante le contestazioni in atto a Toronto negli anni ’60, dipinse gli “hippies”del quartiere di Yorkville. Ebbe il merito di saper cogliere e rappresentare il diverso atteggiamento di questa nuova generazione di giovani pieni di idealismi, di voglia di uguaglianza e di pace creando una serie di ritratti di giovani alla ricerca di se stessi. Il paesaggio canadese è l'altra grande tematica di Chiarandini che ha brillantemente catturato l’essenza delle campagne e dei borghi rurali dell’Ontario e del Quebec. Le sue pennellate sciolte , vigorose ed espressive, che evocano tecniche impressionistiche, assumono il massimo effetto visivo da una debita distanza. Probabilmente per questo motivo Chiarandini viene spesso associato con il Gruppo dei Sette, il più rinomato gruppo di pittori canadesi che ha avuto un ruolo fondamentale nel panorama di immagini romantiche e vivacemente decorative della natura incontaminata canadese. 

Aver scelto Udine quale sede per questa importante mostra sottolinea lo stretto legame di Chiarandini con il Friuli, che traspare intensamente nelle sue opere friulane, in cui con il cromatismo e il tratto della sua pittura, ha sapientemente ricreato l'atmosfera dei luoghi e i paesaggi di questa terra. Per celebrare il ritorno metaforico di Chiarandini in Friuli, il 16 ottobre, ultimo giorno della mostra, sarà inoltre presentata la sua monografia “Passion meets Paintbrush” con interessanti interventi delle scrittrici Olga Pugliese, Ewa Chwojko e Anna Pia De Luca. La presentazione sarà allietata dalla flautista Luisa Sello, presidente di “Amici della Musica” che onorerà l'artista con musiche del compositore canadese Steve Chwojko-Srawley. 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

I più visti

  • Antichi abitatori delle grotte in Friuli

    • dal 3 marzo 2021 al 25 febbraio 2022
    • Castello di Udine
  • Udine, la città inquieta, prosegue l'esperienza teatrale del Css. Promozioni fino al 3 dicembre

    • dal 11 novembre 2020 al 30 aprile 2021
    • Centro storico
  • La Fondazione de Claricini "mette in luce" Dante, un anno di eventi in tutto il Friuli

    • dal 25 marzo al 30 dicembre 2021
    • villa de Claricini (Bottenicco di Moimacco), Udine, Pordenone, Cividale, Tolmino
  • "Teatro in direttissima", nasce la stagione degli spettacoli sui palcoscenici virtuali

    • Gratis
    • dal 25 gennaio al 15 giugno 2021
    • pagina Facebook Palcoscenico Fita-Uilt
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    UdineToday è in caricamento