A 500 anni dalla morte di Leonardo Da Vinci, Confartigianato-Imprese Udine lo celebra con una mostra

Sono 40 le opere in mostra alla chiesa San Francesco di Udine, esposizione che resterà aperta fino al 7 luglio 2019

"L'artigian Ingegno, Leonardo tra acqua e terra in Friuli", questo il titolo della nuova mostra organizzata dal gruppo provinciale dell'Artigianato artistico, guidato da Eva Seminara, con il sostegno della Regione, e il partenariato del comune di Udine e dei Civici Musei, e di altre associazioni ed enti. La mostra sarà inaugurata oggi pomeriggio, venerdì 7 giugno alle 18:00 alla chiesa di San Francesco, per poi restare aperta fino al 7 luglio, dal giovedì alla domenica, dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 20.

L'idea della mostra

Curata da Elena Agosti e con la direzione scientifica di Mario Taddei, la mostra ospita 40 opere di 41 artisti regionali. Queste, ragionano sul genio di Leonardo, e si collegano ai temi dell'acqua, della terra, dell'ingegneria e del rispetto del territorio. L'esposizione parte da un documento conservato alla biblioteca Ambrosiana di Milano, ossia il foglio 638° V del Codice Atlantico, nel quale Leonardo studia una strategia per difendere il Friuli dagli assalti dei Turchi agli inizi del '500. Il genio italiano aveva pensato e progettato la creazione di una diga con paratie mobili alla confluenza dei fiumi Isonzo e Vipacco, in modo da creare un allagamento della pianura davanti alla cittadina di Gradisca d'Isonzo.

Le opere e gli artisti

Così, proprio la terra e l'acqua diventano i temi centrali della mostra, temi che collegano tutte le opere dell'esposizione. A firmare le opere sono 41 artigiani regionali: orafi, legatori, falegnami, ceramisti, mosaicisti, sarti, fotografi e fabbri. A fianco al passato e all'artigianato, è presente poi anche un'installazione digitale firmata da Segnoprogetto e Kjosul, concepita per dare al visitatore la possibilità di immergersi nelle opere ideate dall'artista tramite l'utilizzo di applicazioni con contenuti di realtà aumentata.

I temi

La mostra intende guardare Leonardo come architetto, il quale ha messo il suo genio al servizio e al supporto della vita pratica. In mostra, quindi, ci sarà un percorso, dove l'uomo viene messo al centro dell'universo, capace di modificare la realtà e la natura. Dopo 500 anni dalla morte del genio italiano, infatti, ancora ci ispiriamo a Leonardo. E sempre Leonardo riesce a dare ispirazione verso un futuro più sostenibile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza della Regione, ecco cosa non si può più fare

  • Schianto lungo la strada regionale: perde la vita una donna

  • L'omino Michelin sorride ai ristoranti friulani, ecco le stelle 2021 della famosa Guida

  • Mille ordini a settimana: nessuno ferma più i friulani del delivery esotico

  • Niente mini zone rosse, Fedriga fa dietro front: si ai tamponi per tutti

  • Coronavirus, cala il numero dei tamponi ma sale la percentuale di contagiati in Fvg

Torna su
UdineToday è in caricamento