Il pianista udinese Matteo Bevilacqua in diretta streaming dal teatro Palladium di Roma

Il pianista udinese Matteo Bevilacqua è fra i musicisti selezionati per partecipare alla stagione musicale Roma Tre Orchestra ed esibirsi all’intero della rassegna Young artists piano solo series 2020 – 2021, una mirabile occasione per ascoltare alcuni tra i migliori talenti della tastiera della nuova generazione

Il concerto di Matteo Bevilacqua, brillante pianista ventiduenne, laureato al Conservatorio statale di Udine Jacopo Tomadini e già contraddistintosi in importanti concorsi e contesti nazionali ed europei, sarà in onda lunedì 25 gennaio alle ore 21.30 in diretta dal Teatro Palladium di Roma e visibile in live streaming sul canale YouTube di Roma Tre Orchestra. (ingresso libero con prenotazione obbligatoria orchestra@uniroma3.it)

Una stagione per dare voce agli artisti

Dar voce agli artisti garantendo la continuità della produzione concertistica, anche durante la pandemia, in uno dei settori maggiormente colpiti dall’emergenza sanitaria, è quello che Roma Tre Orchestra, istituzione musicale legata all’Università della Capitale, è riuscita a costruire all’interno di una vera e propria stagione concertistica Young artists piano solo series dove debutterà il giovane Bevilacqua.

Il programma, scelto assieme al direttore Artistico di RO3, Valerio Vicari, prevede circa un’ora di concerto solistico e alcune tra le più belle pagine scritte da Domenico Scarlatti, Ludwig van Beethoven, Franz Liszt, Isaac Albeniz e Claude Debussy.

«Un'occasione per suonare per tutti»

Il concerto è per me una boccata d'aria, un segnale di speranza - dichiara con entusiasmo Bevilacqua –. Poter continuare a suonare anche in questo periodo così difficile, far vivere la musica con le modalità virtuali non è affatto un compromesso, ma un’occasione per suonare per tutti. Il direttore artistico Valerio Vicari – prosegue – si è preoccupato di mettere noi artisti nelle perfette condizioni per poterci esprimere al meglio, un teatro, un pianoforte gran coda perfettamente preparato dal M° accordatore Mauro Buccitti, uno staff tecnico e una regia di grande competenza e professionalità”.

«A metà tra performance dal vivo e registrazione in studio»

Anche se il pubblico non sarà in presenza, trovo comunque emozionante poter provare nuovamente il piacere della diretta, in fondo si tratta di una modalità che rivisita, tramite le attuali tecnologie, quanto già veniva fatto in passato, quando le reti radiofoniche e quelle televisive offrivano abitualmente ai propri ascoltatori le dirette da studio, interpretate da grandi orchestre e musicisti. È un modo diverso di comunicazione, ma pur sempre affascinante, che sta a metà tra la performance dal vivo e la registrazione in studio per la produzione di un Cd”.

"La situazione, certamente richiede all’artista uno sforzo di adattamento molto complesso ritrovando un nuovo equilibrio tra la comunicazione empatica così come può avvenire soltanto nell’hic et nunc di un palcoscenico con il pubblico in platea, e la perfezione tecnica che può essere raggiunta solo nelle chiuse pareti di uno studio di registrazione. Una sfida, che ho intenzione di raccogliere nella sua totale compiutezza”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

I più visti

  • Bel tempo e "zona gialla", ingredienti perfetti per un'escursione tra i casoni della laguna

    • dal 27 febbraio al 28 marzo 2021
    • Banchina Canale di, Via San Vito
  • Antichi abitatori delle grotte in Friuli

    • dal 3 marzo 2021 al 25 febbraio 2022
    • Castello di Udine
  • Tutti in pista, torna lo SkiBus Fvg per Sappada

    • dal 14 febbraio al 14 marzo 2021
  • Tra terra e mare, a Tolmezzo apre la mostra sulle Alpi Carniche di 300 milioni di anni fa

    • Gratis
    • dal 19 febbraio al 6 aprile 2021
    • Palazzo Frisacco
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    UdineToday è in caricamento