Eventi

Le degustazioni distanti di Talis Wine

Al tempo del Covid, proseguono i percorsi degustativi nei Colli Orientali

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

Un’iniziativa particolare quella adottata dal Consorzio Friuli Colli Orientali e Ramandolo nel corso della quarantena, volta a proseguire un percorso di promozione del territorio interrotto a inizio anno dall’emergenza Coronavirus. Si tratta del nuovo format “Degustazioni Distanti”, in cui i produttori della denominazione hanno raccontato, con brevi video, i propri vini, suggerendo abbinamenti e coinvolgendo il pubblico attraverso il racconto della propria storia. Tra questi, Mauro Cencig, presidente dell’azienda Talis Wine, ha condiviso la passione che lo lega ad altri cinque produttori e il sogno che li ha portati a realizzare l’attuale cantina nei Colli Orientali. Assieme ai proprietari di Ronchi di Sant’Egidio, di Bucovaz Giovanni, di Mattiazzi Ariano, di Pizzamiglio Gianni e Il Clap, Mauro Cencig ha dato vita ad una “Cantina Diffusa”, la prima e la sola presente in regione per tipologia, con l’obiettivo di controllare la qualità della produzione e di riuscire a soddisfare la richiesta dei mercati internazionali. Mantenendo la distanza imposta dal Governo, il format ha così permesso al produttore di avvicinarsi agli enoappassionati e di spiegare nel dettaglio il Friulano Talis Wine, tra gli autoctoni più rappresentativi del territorio e di soffermarsi sulle origini friulane del nome “Talis”, il tipico fiore dalla corolla gialla che cresce spontaneo tra i vigneti, conosciuto come Tarassacum officinalis. Nel video pubblicato sui canali social, Mauro Cencig prosegue il viaggio tra le sensazioni e i profumi del vino, consigliando i piatti della tradizione e una particolare lettura di Mario Soldati. Una proposta che, assieme all’evento BrindiAMO, organizzato da PromoTurismo Friuli Venezia Giulia che ha registrato una partecipazione di 1300 professionisti del settore e wine lovers provenienti da 30 Paesi in tutto il mondo, come riportato dal Corriere Cucina, ha permesso di unirsi per assaporare virtualmente i vini della regione e di conoscere meglio le eccellenze di una terra ricca di cultura, bellezza, storia e gastronomia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le degustazioni distanti di Talis Wine

UdineToday è in caricamento