"Intelligenza senza cervello", l'incontro dedicato al mondo delle piante a Udine

In occassione del Charles Darwin Day 2019, il professor Stefano Mancuso terrà a Udine un incontro dedicato al mondo delle piante, dal titolo "Intelligenza senza cervello".

L'appuntamento

Le piante sono la vita del pianeta e rappresentano l’80 per cento di tutta la biomassa. Spesso nell’immaginario collettivo le piante sono sentite come esseri inerti, quasi paragonabili a minerali e rocce. Ma è davvero così? In verità poco si sa ancora di loro e gli scienziati stanno solo recentemente mettendo in luce una realtà sorprendentemente diversa. Tant’è che oggi non suscita più scalpore nel mondo accademico porsi domande come “le piante sono intelligenti? Sono capaci di comunicare fra loro e con gli altri organismi? In che modo? Quali sono i rapporti con gli altri esseri viventi?" Oggi si sono iniziati a comprendere alcuni meccanismi fisiologici, che stanno mettendo in luce aspetti della vita segreta delle piante. I comportamenti, la difesa, la comunicazione, le strategie di espansione, la resistenza, l’organizzazione, la stessa evoluzione, tutto segue nelle piante una propria via originale e “sostenibile” che non possiamo più permetterci di ignorare.

L'esperimento

Di questi argomenti discuterà Stefano Mancuso, direttore dell’International Laboratory of Plant Neurobiology, autorità a livello mondiale sia per le sue sulle ricerche riguardanti l’intelligenza delle piante, sia come divulgatore, noto in questo senso anche per le sue numerose comparse in tv. Il Professor Stefano Mancuso ha condotto un esperimento presso l’International Laboratory of Plant Neurobiology sulla Mimosa pudica, pianta in grado di chiudere repentinamente le foglie se toccate, quale meccanismo di reazione per spaventare i potenziali insetti predatori. Tale movimento richiede consumo di energia, quindi non è conveniente per la pianta compierlo senza motivo. Si è visto infatti che se la pianta riconosce uno stimolo come non pericoloso, le foglie non si chiudono. Durante l’esperimento veniva urtato il vaso su cui si trovava la pianta e questa ha reagito agli stimoli le prime 6-7 volte. Poi però la pianta ha “compreso” che lo stimolo non era pericoloso e non ha più reagito. Per dimostrare che non si trattava di semplice esaurimento energetico, la pianta è stata di nuovo toccata con una matita, cioè in modo diverso e ha reagito chiudendo le foglie. Non solo, il vaso è stato nuovamente percosso dopo due mesi e la piantina, ricordando lo stimolo non pericoloso, non ha reagito.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • La situazione del lavoro in Italia e in Europa, se ne parla nei webinar dell'Uniud

    • Gratis
    • dal 9 aprile al 18 giugno 2021
    • Web
  • Agricoltura 4.0, strumenti innovativi per le aziende agricole del Fvg

    • Gratis
    • dal 18 marzo al 22 giugno 2021
    • Formazione online
  • Ciclo di conferenze sul Maghreb, fra cultura, letteratura, ambiente e attualità

    • Gratis
    • dal 29 aprile al 12 maggio 2021
    • Piattaforma Teems

I più visti

  • Antichi abitatori delle grotte in Friuli

    • dal 3 marzo 2021 al 25 febbraio 2022
    • Castello di Udine
  • Alla scoperta delle erbe commestibili, tre passeggiate con Legambiente Udine

    • dal 2 maggio al 13 giugno 2021
  • Anche un Picasso inedito nella nuova mostra di Illegio

    • 16 maggio 2021
    • Casa delle Esposizioni di Illegio
  • A Illegio va in mostra il "Cambiamento", aperte le prenotazioni per la mostra internazionale

    • dal 16 maggio al 17 ottobre 2021
    • Casa delle esposizioni di Illegio
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    UdineToday è in caricamento