rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Eventi

Premio Bontà 2018, i vincitori

Il premio è andato quest'anno al gruppo alpini di Gradiscutta di Varmo e all'associazione nazionale mutilati e invalidi civili di Udine

Il premio Bontà 2018, rivolto a quelle realtà che si distinguono nel campo del volontariato e della solidarietà, è stato vinto dal gruppo alpini di Gradiscutta di Varmo e dall'associazione nazionale mutilati e invalidi civili di Udine.

La consegna

La consegna del premio, giunto alla sua 19esima edizione e voluto dell'Unione nazionale Cavalieri d'Italia, è avvenuta sabato primo dicembre a palazzo Belgrado. Alla cerimonia erano presenti il presidente del consiglio regionale Piero Mauro Zanin, il sindaco di Udine,
Pietro Fontanini, il vice prefetto di Udine, Gloria Allegretto, il commissario Mara Lessio per la Questura, e la Medaglia d’Oro al valore militare, Paola Del Din.

I vincitori

Il gruppo degli alpini, fondato nel 1960, si è distinto per l’impegno, la dedizione e l’entusiasmo con cui ha concretizzato tante iniziative svolte nei suoi 58 anni di vita: dal recupero del sito della Grande Guerra sul Pal Piccolo, alla costituzione di un gruppo di volontari di Protezione Civile per interventi nelle zone colpite dalle calamità naturali; dall’istituzione della serata di beneficenza (che in 26 anni ha raccolto quasi 110mila euro, devoluti a progetti di solidarietà) al sostegno all’associazione “Fabiola onlus” che ha portato alla realizzazione della Cjase dai Fruts, mettendo a disposizione otto posti destinati ai ragazzi con disabilità medio gravi. Presieduta da Roberto Trovò, l’Anmic di Udine, invece, è stato fondata nel 1959 e da allora ha aperto la strada al superamento dei pregiudizi culturali sull’handicap, al riconoscimento giuridico della categoria degli invalidi civili e alla rivendicazione di pari opportunità per questi cittadini: oltre a seguire dal punto di vista burocratico le richieste degli utenti, fornisce assistenza psicologica, fiscale e medico-legale, offre il servizio di trasporto disabili e degli anziani.

Altri premi

Nel corso della cerimonia, allietata da un intermezzo musicale del maestro Gabriele Saro, assieme al violoncellista Francesco Pinosa e al tastierista Andrea Del Piccolo, sono stati consegnati anche due attestati di merito: uno, al dottor Roberto SbroJavacca, direttore della Soc Medicina d’Urgenza-Pronto Soccorso dell’Ospedale di Udine, “per l’impegno professionale e umano dedicato ai pazienti e alla formazione dei colleghi giovani”; e il secondo agli alunni delle cinque classi della scuola primaria di Toppo Wassermann, “per la loro entusiastica generosità, motivata da una grande sensibilità, nel dare aiuto e sostegno ai bimbi che vivono in modo gravemente disagiato in un lontanissimo paese africano, il Benin”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Premio Bontà 2018, i vincitori

UdineToday è in caricamento