26esimo Friuli Doc: si punta tutto su qualità e sicurezza, "responsabilità da parte di tutti"

Diminuiscono i numeri a favore della qualità dell'offerta e della sicurezza degli ospiti: tutte le novità di quest'edizione che si svolgerà dal 10 al 13 settembre 2020

Per la 26esima edizione di Friuli Doc, che si svolgerà da giovedì 10 a domenica 13 settembre, si punta tutto sulla qualità e sulla sicurezza. "Non si tratta di un'edizione ridotta – fa sapere Maurizio Franz, assessore alle Attività produttive, Turismo e Grandi Eventi - ma di un'edizione rivisitata, ordinata, sicura ed elegante, che darà spazio a eventi di qualità e coinvolgerà le realtà udinesi".

Meno numeri

A causa dell'emergenza sanitaria e il divieto di creare assembramenti, non si punterà, come nelle passate edizioni, sui grandi numeri. "Riusciremo comunque a dare grande visibilità alla città e alle nostre eccellenze enogastronomiche e artigianali". Capo saldo della 26esima edizione sarà un servizio di qualità, che si tradurrà anche nel servizio ai tavoli nei vari stand sparsi per il centro cittadino. Grande spazio anche agli operatori locali, bar, ristoranti, osterie e negozi, "che saranno più numerosi degli scorsi anni", continua Franz.

Sicurezza

Per garantire la sicurezza di tutti gli ospiti e degli operatori stessi, "ci sarà un contenimento dei numeri. Quest'anno, infatti, non abbiamo fatto una campagna di comunicazione sull'evento oltre confine". La sicurezza, inoltre, sarà garantita da specialisti del settore, da Covid-box posti all'entrata delle varie aree e da l'app Eilo, scaricabile gratuitamente e che permetterà di immagazzinare automaticamente i dati dei visitatori, garantendone anche la privacy. "Anche gli operatori – continua l'assessore comunale - faranno costantemente attenzione a non creare assembramenti, ma ci deve essere un senso di responsabilità da parte di tutti, cittadini compresi, anche se siamo consapevoli del grande senso di responsabilità degli udinesi e dei friulani".

Edizione particolare

Anche per l'assessore alle Attività produttive e Turismo della Regione Fvg, Sergio Emidio Bini, questa sarà "un'edizione particolare, ma Udine, come il resto della regione, ha dimostrato che anche in questo periodo delicato ci sono dei segnali di ripresa importanti". Un plauso va all'amministrazione comunale, che è riuscita a "far ripartire e ripopolare la città. Grazie a questa edizione, riusciremo a valorizzare ancora di più le eccellenze del territorio". L'assessore regionale, inoltre, pone l'attenzione su un altro dato importante: "Gli indici di ripartenza del Fvg sono tra i più virtuosi dell'intero Paese".

Sfida organizzativa

L'edizione 2020 è stata "una sfida organizzativa, ma per l'amministrazione si è trattato di un dovere morale cercare di realizzare un evento di grande valenza sociale, culturale ed economica", dichiara l'assessore Franz. Inoltre, "è stata un'occasione per rivisitare completamente la manifestazione in senso qualitativo". L'emergenza sanitaria, quindi, non ha fermato Friuli Doc. "Non possiamo permettere che il Covid fermi tutte le attività economiche. Quest'anno, però, non ci saranno eventi e spettacoli che possano creare assembramenti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sindaco

"Qualcuno voleva che quest'anno non si facesse Friuli Doc – ricorda il primo cittadino, Pietro Fontanini -. Abbiamo però fatto un'estate molto piena e non abbiamo avuto nessun focolaio. La città è viva, frequentata grazie all'ampio programma di musica, spettacoli di 'Udine Sotto le Stelle'. Qualcuno, invece, voleva che Udine stesse ferma, ad aspettare non so cosa". Il sindaco ricorda quindi come grazie a tutto questo "possiamo guardare al futuro con positività, perché la città deve vivere, noi dobbiamo vivere, ed è impensabile che si fermi tutto per la paura del Covid. Il Covid si affronta". Concorde anche l'assessore Bini, che ricorda: "Nonostante le critiche, l'amministrazione sta risvoltando la città, e questo è confermato anche dai cittadini stessi. La gente sta tornando ad apprezzare la città di Udine, che sta tornando ad essere la 'bella bomboniera' di un tempo: bella, pulita e sicura".

Dove e cosa mangiare: i luoghi di Friuli Doc 2020

Il programma degli eventi della 26esima edizione

Coldiretti Fvg e Uniud promuovono la biodiversità a Friuli Doc 2020

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuove regole da stasera: cosa succede per scuole, bar e ristoranti

  • Un friulano è "fotografo dell'anno" per National Geographic

  • Fedriga: "Misure restrittive proprio per evitare un nuovo lockdown"

  • Bar aperti oltre la mezzanotte, c'è una prima "vittima" delle nuove regole

  • Annullate le sagre, ma a Udine c'è un posto dove poter mangiare castagne con la ribolla

  • Udinese-Parma 3:2 | Le pagelle: Pereyra il migliore, Nicolas fuori fase

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento