Giovedì, 16 Settembre 2021
Eventi

C'è un po' di Friuli a Sanremo grazie alla canzone di Noemi

Andrea Rigonat, chitarrista, marito di Elisa e direttore artistico della Casa della Musica di Cervignano è il produttore del nuovo album dell'artista, che contiene anche il singolo che verrà presentato al Festival

Il Festival di Sanremo di quest’anno, a causa delle restrizioni dovute al Covid-19, è molto italiano – niente ospiti stranieri –, ma poco friulano. L’unico aggancio con la nostra terra è rappresentato dalla cantante romana Noemi – al secolo Veronica Scopelliti –, che si è vista produrre il suo nuovo album (che contiene anche il singolo sanremese “Glicine”) da Andrea “Ringo” Rigonat, il marito di Elisa

Noemi

"Mi sento carne viva, ho voglia di evolvere e forse, dopo un periodo di buio in cui mi sembrava di non riuscire a trovare più la passione in quello che facevo, ci sto riuscendo". La nuova Noemi è uscita dal guscio in cui si era rintanata da tre anni ed è tornata a fiorire come il "Glicine". Un percorso partito da dentro che l'ha portata a rinnovarsi anche fuori con un look alla Rita Hayworth e a trovare nuovi stimoli anche musicali. Una vera e propria Metamorfosi, tanto profonda da spingerla a intitolare così il suo nuovo album, in uscita per Sony Music il 5 marzo. Un lavoro, prodotto, appunto, da Andrea Rigonat e i Muut, nel quale Noemi si è spinta a esplorare sonorità diverse e colori inediti della sua voce, andando a pescare nel pop e nell'underground. "Sono andata alla ricerca – racconta orgogliosa – di un suono nuovo che poteva essere quello della mia metamorfosi. Ora ho un nuovo modo di pensare lo strumento voce". 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

C'è un po' di Friuli a Sanremo grazie alla canzone di Noemi

UdineToday è in caricamento