È tempo di Far East Film Festival 2020

Il Feff 22 si sposta sul web grazie alla piattaforma MyMovies in cui sarà possibile vedere in streaming tutti i film di quest'anno

Da domani, giovedì 26 giugno, a sabato 4 luglio, torna il Far East Film Festival in una nuova versione online grazie alla piattaforma MyMovies.

Come seguire il Feff

Il quartier generale del festival sarà la piattaforma www.mymovies.it/live/feff/. Da qui, si potrà prenotare i titoli che si vogliono vedere. In pratica, un vero e proprio cinema digitale. Inoltre, si potrà seguire il festival attraverso il programma quotidiano, oppure decidere in piena autonomia quando guardare i film, accedendo all’apposita sezione on demand. Nella piattaforma, ci saranno anche molti contenuti supplementari: dai videosaluti dei registi alle presentazioni live che introdurranno tutte le proiezioni.

Il programma completo di Feff 22

Film da non perdere

Ecco quattro film-evento che si potranno guardare soltanto il giorno e l’ora in cui sono stati collocati nel programma:

My Prince Edward

Regia di Norris WONG

(Hong Kong, 2019)

Un anticonvenzionale mix di dramma e commedia coinvolge la novella sposa Fong quando scopre che il suo precedente matrimonio non è mai stato annullato. Una moglie… con un marito di troppo.
 

I WeirDO 

Regia di LIAO Ming-yi

(Taiwan, 2020)

Po-ching e Ching sono degli ossessivo-compulsivi destinati a incontrarsi. Una collisione di stranezze raccontata con leggerezza, umorismo e qualche lacrima. Favola pop (con mascherina).
 

Suk Suk

Regia di Ray YEUNG

(Hong Kong, 2019)

La storia d’amore tra un tassista settantenne e Hoi, un padre single in pensione raccontata tramite sguardi furtivi e con un delicato romanticismo. Gay drama.

Better Days

Regia di Derek Kwok-cheung TSANG

(Cina, 2019)

La lotta per sopravvivere fa incontrare una studentessa tormentata dai compagni e un teppistello. Due vite al margine in un ritratto adolescenziale dolente e necessario. Crudeltà e bullismo sui banchi di scuola.

Altri titoli

Dalla Corea del Sud alla Cina, da Hong Kong al Giappone (passando per l’Indonesia): ecco una piccola selezione di grandi film per spaziare tra i generi e i paesi:

Ashfall

Regia di KIM Byung-seo e LEE Hae-jun

(Corea del Sud, 2019)

Una task forse, per fermare l’eruzione di un vulcano, deve pianificare un’esplosione nucleare. Effetti speciali e azione a più non posso.. Un blockbuster-disaster che spacca tutto!

The Captain

Regia di Andrew LAU

(Cina, 2019)

Adrenalinico blockbuster tratto dalla storia vera del capitano Liu che salvò i passeggeri di un aereo in un impossibile atterraggio d’emergenza. La risposta cinese a Sully del grande Clint.

Ip Man 4: The Finale

Regia di Wilson YIP

(Hong Kong, 2019)

Location americana e l’arrivo di Bruce Lee per lo spettacolare capitolo finale della mitica saga di Ip Man targata Donnie Yen e Wilson Yip. Un eroe non muore mai!

Crazy Romance

Regia di KIM Han-kyul

(Corea del Sud, 2020)

Per facilitare il lavoro a Jae-hoon dopo la rottura con la fidanzata, gli viene affiancata Sun-young. I due si trovano ma i gossip dei colleghi non sono alleati di Cupido. Una love story ad alta gradazione alcolica.

Chasing Dream

Regia di Johnnie TO

(Hong Kong/China, 2019)

Grande ritorno di Johnnie To che unisce cinema sportivo e musical in un melò, con toni da commedia, sull'amore fra due indomabili lottatori. Canzoni! Botte! Amore!

Impetigore

Regia di Joko ANWAR

(Indonesia, 2019)

Maya torna al paese natale senza sapere che i paesani la vogliono morta per sciogliere una maledizione. Folklore e secchiate di sangue! Un horror tetro e disturbante.

Labyrinth of Cinema

Regia di OBAYASHI Nobuhiko

(Giappone, 2019)

Un cinema si trasforma in una macchina del tempo per tre giovani attori... Dal genio surrealista di Obayashi, una travolgente esperienza visiva e sensoriale. Psichedelico. Eccentrico. Mistico.

Romance Doll

Regia di TANADA Yuki

(Giappone, 2020)

L’amore tra Tetsuo e la moglie malata dà alla luce la migliore sex doll mai realizzata. Gentilezza, un tocco di poesia e qualche lacrima in una fabbrica del sesso. Lui, lei e una bambola gonfiabile.

Deviazioni

Il Feff si è spesso concesso delle deviazioni rispetto alla sua via maestra, popolare e di genere. La deviazione di quest’anno, riguardando il cinema radicale di Watanabe Hirobumi, è netta e audace. Con quattro titoli (inclusa la children comedy I’m Really Good, in prima mondiale al Feff), Udine sarà il trampolino occidentale per Watanabe Hirobumi che lavora a stretto contatto con il fratello minore Yuji, autore delle splendide colonne sonore di tutti i suoi film.

Dalla Corea

Due titoli per raccontare, con occhi e stile completamente diversi, lo stesso (incredibile) capitolo di storia coreana:

The President's Last Bang

Regia di IM Sang-soo

(Corea del Sud, 2005/restored version, 2019)

Nel 1979 il presidente sudcoreano Park viene ucciso da un’improvvisata congiura di palazzo. Una controversa commedia nera che mescola fatti veri e finzione. 

The Man Standing Next

Regia di WOO Min-ho

(Corea del Sud, 2020)

Una ragnatela di intrighi per un’avvincente spy story: una catena di eventi porterà all’omicidio del presidente Park il 26 ottobre 1979.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I premi

Il pubblico potrà votare tutti i film in competizione di questa nuova edizione grazie all'Audience Award. Tutti potranno esprimere il proprio voto dall'1 al 5. La funzione "voto" comparirà automaticamente dopo aver raggiunto l'80 per cento della visione del fiml. Inoltre, gli accreditati "Shogun", con il loro voto, assegneranno il premio "Black Dragon Award" dell’edizione 2020.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il ristorante non vuole chiudere e garantisce posti letto a prezzi stracciati

  • La Slovenia chiude nuovamente il confine con l'Italia, anche il Fvg è considerato zona rossa

  • Coronavirus, 334 contagi e tre morti: c'è anche una donna di 41 anni

  • Coronavirus, positivi alla Quiete, in ospedale a Palmanova, Udine e San Daniele

  • Fedriga e l'allarme Dpcm: "Spariranno migliaia di attività economiche"

  • Caffè, brioche, aperitivo e pizza tutto sullo stesso tavolo: la singolare protesta di un ristoratore udinese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento