Eventi Centro / Via Fabio Asquini, 33

Colorato, prorompente, internazionale: il Far East Film Festival è tornato

Serata inaugurale nell'Arena del Visionario, con 400 posti a sedere e uno schermo di 12 metri

Foto di Elisa Dall'Arche

Più forti della pioggia, più forti dell’anticiclone africano, ligi alle regole ma prorompenti come non si era più abituati. I fareastiani sono tanto mancati a Udine e Udine se n’è accorta in una calda serata di fine giugno, tra ombrelloni vintage, dragoni e biscotti della fortuna personalizzati. L’opening night più pop di questi 23 anni, dopo il glam delle serate al Teatrone, con sfilate di vip degne delle più prestigiose passerelle internazionali, nella rinnovata location del Visionario ha regalato un sorriso ebete alla città. Sì, certo. Se ci mettiamo nei panni di chi organizza, con il telefono in mano ad affrontare l’ultima delle rogne in lista, ovvero la previsione di temporali forti proprio all’ora dell’inaugurazione, magari il sorriso si stempera un po’. Salvo poi riprendere tutta la sua forza nel momento in cui persino le nuvole sono diventate spettatrici silenti concedendo una miracolosa tregua proprio all’ora della proiezione del primo film.

far east-7

Pellicola inaugurale della 23esima edizione del Far East Film Festival, l’avvincente ed elegante Cliff Walkers: agenti segreti, complotti e qualche sfumatura melò per una missione all’ultimo respiro nella Cina degli anni Trenta. Una preziosa International Festival Premiere che ha tenuto a battesimo la nuovissima Arena all’aperto allestita, per il FEFF, sul prato del Visionario: 400 posti e uno schermo gigante di 12 metri per 5. Tutto bello, tutto colorato, tutto tremendamente internazionale per una Udine che si era quasi dimenticata di poter essere, per qualche giorno, la capitale dell’Asia.

far east-8

Il programma di sabato 25

La terza giornata del FEFF 23, che andrà in scena domani, sabato 26 giugno, è, senza dubbio, una giornata in cui si parla d’amore. O meglio: in cui si declina la parola “amore” attraverso i generi. A cominciare dal documentario filippino Life in 24 Frames a Second di Saw Tiong Guan, che il Festival presenta in anteprima mondiale, dove quattro grandi autori come John Woo, Anurag Kashyap, Rithy Panh e Lav Diaz raccontano che l’amore per il cinema (appunto) li ha letteralmente salvati da una vita di povertà e di abusi. Ricordiamo che a John Woo è anche dedicato il libro John Woo e il Crime Movie di Hong Kong, che l’autore Andrea Venuti presenterà durante le dirette streaming del mattino.

I film

Se The Way We Keep Dancing di Adam Wong (anteprima europea) racconta, invece, l’amore di un gruppo di giovani “creativi” (rapper, ballerini, influencer) per un quartiere di Hong Kong, rivendicando il proprio senso di appartenenza a ritmo di hip hop, l’amore fraterno e difficile tra una ragazza e una bambina ospiti di una casa-famiglia fa volare le delicatissime emozioni di The Goldfish: Dreaming of the Sea della regista giapponese Ogawa Sara (anteprima europea). Lo stesso amore difficile, questa volta paterno (tra un venditore ambulante di mezz’età e un bambino abbandonato), che poi ritroviamo nel road movie cinese Like Father and Son di Bai Zhiqiang (anteprima internazionale). Ed eccoci arrivare ad uno dei titoli-rivelazione del FEFF 23. Se pensate che sul tema delle love story sia stato già detto tutto, è solo perché non avete ancora visto My Missing Valentine del taiwanese Chen Yu-hsun (European Festival Premiere). Cosa succede quando la dolce Hsiao-chi capisce di essersi persa il giorno di San Valentino? Persa. Letteralmente. Nel senso che si addormenta di sabato e si sveglia di lunedì! Fantasy e romanticismo camminano assieme in una commedia, brillante e sorprendente, che rinnova gli ormai polverosi standard sentimentali hollywoodiani…

20210624_214650-2

Il Far East Film Festival 23 si sta svolgendo sia in versione fisica, al Visionario e al Cinema Centrale di Udine, sia in versione digitale, sulla piattaforma gestita con il supporto tecnico di MYmovies.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colorato, prorompente, internazionale: il Far East Film Festival è tornato

UdineToday è in caricamento