menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dal laboratorio in cucina a leader del mercato: i 25 anni della friulana Emmedi

La storica software house di Udine ha festeggiato i suoi primi 25 anni di attività in Castello, dove ha presentato anche una novità: la 4Cheque APP, la nuova applicazione per banche e aziende

L'azienda di Udine Emmedi, specializzata in applicazioni per la dematerializzazione e la decodifica di qualsiasi tipo di documento per banche e aziende, ha festeggiato venerdì 7 giugno i suoi primi 25 anni di attività nella cornice del Castello di Udine.

L'anniversario e il futuro

Un quarto di secolo non è abbastanza per la Emmedi, la quale considera questi primi 25 anni non come un punto di arrivo, ma come una tappa fondamentale di un percorso futuro. L'azienda, leader nel settore con l'80 per cento di quote di mercato e oltre 80mila installazioni in tutta Italia, nasce nel 1994 in un appartamento del centro di Udine, dove la cucina veniva utilizzata come laboratorio per testare i firmware dei primi scanner e selezionatori di assegni. Partendo dal nulla, grazie a un visione strategica e a scelte coraggiose, oggi Emmedi è riuscita a conquistare un ruolo centrale in un settore di nicchia come quello bancario, dove viene riconosciuta come partner di riferimento per la gestione documentale.

Innovazione

L'azienda friulana è riuscita, attraverso numerose innovazioni, a rivoluzionare il mercato degli scanner di assegni. Fra queste innovazioni, il 4Cheque, la soluzione all-in-one che permette di trasformare qualsiasi scanner documentale in uno scanner di assegni, con performance di decodifica e di affidabilità superiori ai tradizionali scanner con testina magnetica. Innovazione che permette un notevole risparmio di tempo e denaro per le banche italiane. Emmedi, infatti, lavora con tutte le principali banche italiane, e collabora all’estero con i leader giapponesi, ma anche in Europa, Medioriente e Stati Uniti. “Abbiamo sempre cercato di avere una visione ben chiara dei nostri obiettivi, di guardare avanti e soprattutto di farci trovare pronti nel momento in cui il mercato avrebbe richiesto un determinato servizio o prodotto.” - ha detto Michele Davino, CEO di Emmedi, durante il discorso di apertura dell’evento in Castello – “Abbiamo sempre affrontato un progetto come il più importante di tutti e davanti alle difficoltà ci siamo sempre rimboccati le maniche. A nostro avviso questo è l’unico modo per poter rimanere in un mercato per un quarto di secolo.”

La novità

Durante la festa è stata introdotta anche l'ultima novità dell'azienda. Michele Davino e Alex Costa, soci fondatori di Emmedi, hanno presentato 4Cheque APP, la nuova applicazione per banche e aziende che trasforma uno smartphone in uno scanner portatile per la decodifica di numerose tipologie di documenti. Grazie a 4Cheque APP, disponibile gratuitamente su AppStore fino al 31 dicembre, è possibile acquisire, decodificare, archiviare e condividere i documenti gestiti in poche semplici mosse, anche in mobilità. Un’innovazione che getta le basi a nuove possibilità, grazie anche alla crescita dello smart working e al Remote Deposit Capture, processo di deposito da remoto degli assegni bancari, già presente in molte parti del mondo e che si presuppone arriverà presto anche in Italia.

4Cheque-APP-2

Festa e solidarietà

Oltre a condurre con successo la loro azienda, i soci di Emmedi sono attenti anche al sociale. Durante la festa, infatti, è stato dato spazio ad Afrika Twende, associazione onlus che sviluppa attività e progetti verso i paesi africani, specialmente la Tanzania, con finalità di aiuto sociale, culturale ed educativo, di formazione e aiuto sanitario. Inoltre, gli ospiti hanno potuto godere della comicità friulana di Claudio Moretti e Caterina Tomasulo, in arte Catine.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Tutti a vaccinarsi, mega coda in Fiera a Udine

Attualità

Coronavirus, in Friuli continuano a calare ricoveri e contagi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento