"Danzando tra i popoli", la 19esima edizione del festival folcloristico

"Danzando tra i popoli", una delle rassegne più importanti del Friuli dedicate al folclore, torna con la sua 19esima edizione per un intero weekend con diversi appuntamenti nel Medio Friuli.

Il festival

Organizzato dal Gruppo Folcloristico Danzerini Udinesi e dalla Proloco ProBlessano, il festival proporrà anche quest'anno spettacoli di danza, cultura e cibo (con diversi piatti tipici della cucina dei gruppi ospitati). Il centro dell'evento sarà il Medio Friuli, con baricentro a Blessano di Basiliano, che potrà contare anche sulla ristrutturazione del suo ex Asilo. Durante il fine settimana, quindi, si esibiranno gruppi provenienti dal Portogallo, dalla Romania, dalla Bosnia e dal Friuli Venezia Giulia.

Il programma

Venerdì 6 a Blessano, alle 20.30 si svolgerà “Camminare il mondo - Percorsi dell’emigrazione friulana “, incontro dedicato a parole, suoni e immagini a cura di Roberto Iacovissi. A seguire ci sarà l’esibizione del gruppo folcloristico “Balarins de Riviere” di Magnano in Riviera.

Sabato 7 a Basiliano, dalle 9.30 si svolgerà la sfilata dei Gruppi Folcloristici partecipanti lungo via Manzoni. Alle 10.00 ci sarà un momento istituzionale alla Sala Consiliare del Comune nell’attesa della serata clou. Alle 20.30, a Blessano, Alessandro “Poma” Pomarè presenta “Danzando tra i popoli... dei cammini erranti”. Durante la serata si svolgerà l’esibizione dei gruppi folcloristici partecipanti provenienti da Portogallo, Romania, Bosnia e Friuli Venezia Giulia.

Domenica 8, sempre a Blessano, alle 11.15 verrà celebrata la messa accompagnata dalla corale Santo Stefano di Blessano. In serata, alle 20.30, si svolgerà lo spettacolo teatrale “Facchin Show Live - Lis gnovis frontieris de furlanetât”, la nuova serie degli autori di “Felici ma Furlans”, Alessandro Di Pauli e Tommaso Pecile. Per chiudere la serata, alle 22.30 si svolgerà l’estrazione della lotteria Danzando tra i popoli.

A questi appuntamenti si aggiungono le esibizioni nei paesi limitrofi. Venerdì 6 settembre, alle 18.00 a Nespoledo, nel piazzale della Chiesa e alle 20.30 a Flambro, in piazza Vittorio Emanuele. Domenica 8 settembre, ore 20.30, i danzerini saranno a San Giorgio di Nogaro all'Auditorium San Zorz in piazza Duomo 1.

I gruppi presenti

Quest’anno, a partecipare al festival, oltre al gruppo dei “Danzerini Udinesi” fondato nel 1963 a Basiliano, ci saranno altri quattro gruppi. I “Balarins de riviere”, il cui nome trae origine dalla Riviera, la zona collinare che costituisce la prima parte delle Prealpi Giulie, indossano il tipico costume friulano dell’Ottocento. Sono nati nel 1965 ispirandosi al linguaggio popolare e alle tradizioni delle Valli del Torre. I balli, che riproducono con schiettezza e originalità momenti della vita quotidiana, sono frutto della riscoperta di spartiti inediti e di tradizioni genuine apprese dalla gente. Il gruppo ha partecipato a oltre seicento manifestazioni in Europa ed in Italia.

Il “Grupo Folclòrico e Etnogràfico de Castelo do Neiva” fu fondato nel 1975 nel nordovest del Portogallo, a Castelo do Neiva. Il gruppo indossa i costumi usati nell’attività della pesca e raccolta del sargasso e quelli della domenica e dei pellegrinaggi. Il mare è l’elemento principale di ispirazione. Il gruppo è membro della Federazione Portoghese del folclore e dell’Associazione dei gruppi folcloristici dell’Alto Minho (AGFAM).

Il gruppo folcloristico “Dor Transylvan” è stato fondato nel 1994 a Cluj-Napoca in Romania. Il gruppo è composto da giovani ballerini, musicisti e cantanti. I ballerini sono di età compresa tra i 14 e i 34 anni e gli strumentisti tra i 18 e i 72 anni. Ogni anno il gruppo “Dor Transilvan” è invitato a partecipare ai più grandi eventi folcloristici, come il Festival internazionale “Songs of the mountains” (Sibiu), Celebrations of Transylvania (Cluj) e il festival internazionale “Hercules” (Herculane). Ha inoltre ricevuto il premio “Oscar folclore” al Festival Mondiale “Castello di Gorizia”, Italia.

La Società Artistico/Culturale (KUD) “Kolovit della città di Gradiska, nella Bosnia & Herzegovina, è stata fondata nel 1992 come organizzazione di volontariato sociale. Principalmente si distinguono il costume dei giorni lavorativi (con colori semplici come il bianco e il nero, calzature umili e cappelli) e quello della festa, colorati e festosi. L’attività di base dell’ensemble è quella dello studio e della conservazione delle cultura tradizionale nazionale nell’ambito del dilettantismo. Kolovit è composta da 431 membri separati in gruppi di canto e danze, orchestre e gruppi di bambini di diversa età. Dal 2003, “Kolovit” è organizzatore del Festival Internazionale di Canti Nazionali e Danze con capacità di 12 ensemble dalla Bosnia & Herzegovina e dall’estero.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Manifestazioni, potrebbe interessarti

  • La Fondazione de Claricini "mette in luce" Dante, un anno di eventi in tutto il Friuli

    • dal 25 marzo al 30 dicembre 2021
    • villa de Claricini (Bottenicco di Moimacco), Udine, Pordenone, Cividale, Tolmino
  • Solidarietà, a Lignano Pineta torna la Corsa delle Rose

    • 18 aprile 2021
    • Lignano Pineta
  • Le semplicità complesse della Udine Design Week, al via la quinta edizione

    • dal 2 marzo al 16 aprile 2021
    • Centro storico

I più visti

  • Antichi abitatori delle grotte in Friuli

    • dal 3 marzo 2021 al 25 febbraio 2022
    • Castello di Udine
  • Udine, la città inquieta, prosegue l'esperienza teatrale del Css. Promozioni fino al 3 dicembre

    • dal 11 novembre 2020 al 30 aprile 2021
    • Centro storico
  • La Fondazione de Claricini "mette in luce" Dante, un anno di eventi in tutto il Friuli

    • dal 25 marzo al 30 dicembre 2021
    • villa de Claricini (Bottenicco di Moimacco), Udine, Pordenone, Cividale, Tolmino
  • "Teatro in direttissima", nasce la stagione degli spettacoli sui palcoscenici virtuali

    • Gratis
    • dal 25 gennaio al 15 giugno 2021
    • pagina Facebook Palcoscenico Fita-Uilt
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    UdineToday è in caricamento