Da A2A S.p.a., 1 borsa di studio per trascorrere un’estate da cittadini del mondo

Iscrizioni al concorso entro il 20 gennaio 2017

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

Scade il 20 gennaio la borsa di studio sponsorizzate da A2A S.p.A. riservata agli studenti di età compresa tra i 15 e i 18 anni, iscritti ad una scuola superiore dei Comuni della provincia di Udine (Ampezzo, Cavazzo Carnico, Comeglians, Ovaro, Somplago, Trasaghis, Tolmezzo, Villa Santina) o residenti negli stessi comuni, che desiderano trascorrere un'estate come cittadini del mondo, a contatto con nuove culture (il bando è consultabile all'indirizzo: www.intercultura.it/borse-di-studio-sponsorizzate/a2a-s-p-a-/). Gli interessati potranno iscriversi sul sito: www.intercultura.it/studenti/iscriviti/ La scelta delle destinazioni è la più varia: se si preferisce rimanere in Europa ci sono l'Irlanda, la Spagna, la Danimarca, la Finlandia, la Russia, se invece si desidera volgere lo sguardo verso ponente le proposte sono in Canada e Argentina, o se è l'Asia ad attrarre, c'è l'imbarazzo della scelta tra India, Cina e Giappone. l programmi estivi di Intercultura consentono di vivere un'esperienza interculturale della durata di circa 4 settimane. Molti studenti scelgono questi programmi perché sono ancora troppo giovani per rientrare nelle fasce di età previste per i programmi di durata maggiore, e sfruttano l'estate per mettersi alla prova e capire se un'esperienza più prolungata fa al caso loro; altri studenti sono troppo grandi per candidarsi per un programma di lunga durata, oppure lo hanno già vissuto e vogliono sperimentare l'esperienza in un altro Paese. A raccontarlo è Mirko, partito da Sondrio per un'estate in Irlanda: "Si sa bene che quattro settimane all'estero non possono essere paragonate ad un'esperienza di un anno o sei mesi lontani dalla propria casa, eppure il mese che ho passato a Dublino è stato uno dei migliori della mia vita e lo ripeterei subito!" Qualunque sia la motivazione, la scelta è quella di vivere un'estate diversa per prepararsi a un cambio di mentalità. Come? Imparando a convivere con valori e popoli diversi. Un'estate all'estero può diventare un'esperienza interculturale e non un solo viaggio, perché corsi di lingua e attività sul campo si uniscono sinergicamente con l'obiettivo di aiutare lo studente, attraverso il sostegno di volontari e formatori, a comprendere la cultura di cui è ospite e tornare a casa consapevole di aver visto un altro Paese con occhi nuovi.

Torna su
UdineToday è in caricamento