Martedì, 21 Settembre 2021
Cultura

Quest'estate la rassegna La strada dei libri passa da... ha conquistato quasi mille e cinquecento bambini

Con oltre settanta appuntamenti in sessantasei differenti località del Friuli Venezia Giulia, la manifestazione ha riempito parchi e giardini. Un'intera estate all'aria aperta, condividendo il piacere della lettura

Un'estate di racconti a cielo aperto dove bambini e genitori, grandi e piccini sono stati invitati a condividere il piacere di leggere insieme in mezzo alla natura. La manifestazione "La strada dei libri passa da..." con oltre settanta appuntamenti in calendario distribuiti su tutto il territorio regionale, si è svolta principalmente in parchi e giardini, talvolta sconosciuti ai più. Un modo per riscoprire le bellezze naturali del territorio, insieme alla promozione alla lettura.

Il bilancio della manifestazione 2021

I numeri parlano chiaro: mille e quattrocentotrenta bambini, con novecento trenta adulti in sessantasei diverse località per oltre settanta appuntamenti. Una manifestazione ideata, organizzata e prodotta all'interno del progetto Leggiamo 0-18 della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e Damatrà Onlus, insieme a diverse bibliotechecomuni che hanno sostenuto l'iniziativa. Si è svolta in luoghi all’aperto, scelti con cura. in diversi casi spazi desueti o nascosti che hanno permesso di condividere esperienze uniche. La kermesse è iniziata il 5 giugno scorso e si concluderà il prossimo sabato 25 settembre al Parco Patuna di Monfalcone nell’ambito del Festival Geografie. Nel corso dell'estate sono state proposte diverse tematiche sviluppate attraverso spettacoli teatrali, letture sceniche, laboratori musicali e altre proposte curiose. L’idea dell’iniziativa è di far uscire i libri dalla biblioteca. Una nuova strada, fatta di storie, che raggiunge tanti luoghi per unire al piacere della lettura condivisa anche le altre arti, e i più diversi contesti culturali.

La rete

Il progetto, che ha come capofila Damatrà onlus, lega la promozione della lettura ad altri percorsi di promozione culturale presenti sul territorio, con la volontà di attivare sinergie che accompagnino la crescita dell’intera comunità. Una rete di valore che unisce tutti gli attori della filiera della lettura. Sono stati tantissimi gli amministratori, i tecnici, le strutture locali che hanno creduto nell’ampio respiro del progetto, condividendone lo spirito e rendendo l'iniziativa un contenitore unitario. Una pratica che ha reso la manifestazione quanto mai sostenibile, contribuendo a un nuovo paradigma culturale che si propone di essere una “buona pratica” da imitare per continuare un progetto collettivo dalle intenzioni condivise

Le dichiarazioni

Alla conferenza stampa sul bilancio dell'edizione 2021, assente per impegni improvvisi, l'assessore regionale alla cultura Tiziana Gibelli ha fatto arrivare un messaggio: "la Regione sostiene convintamente anche perché la lettura ci consente sin da piccoli di crescere, di imparare, di emanciparci e, specialmente in questo particolare periodo storico, di saper riconoscere le fake news".

Conferenza stampa grandangolo-2

Mara Fabro, presidente Damatrà Onlus: "Ringrazio sentitamente tutti coloro che hanno partecipato attivamente a questa manifestazione, dalle amministrazioni comunali alle biblioteche, dalla Regione  agli enti partner. Quest'anno si è creata una sinergia incredibile che è frutto di un lavoro capillare. Si tratta di un progetto poliedrico nato e creato insieme, per la formazione culturale delle giovani generazioni. Questa è la rete culturale più ampia della nostra regione".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quest'estate la rassegna La strada dei libri passa da... ha conquistato quasi mille e cinquecento bambini

UdineToday è in caricamento