Stefano Zecchi a Lignano per presentare 'Rose bianche a Fiume'

E’ possibile dimenticare un grande amore per trovare la propria felicità? Tutto acquista nuovi contorni e nuovi presupposti, quando la propria bussola esistenziale viene sconvolta da un destino che disegna confini “altri” sulla carta geografica e da una storia personale che si intreccia inestricabilmente alla grande Storia d’Europa.

“Rose bianche a Fiume”, l’ultima prova narrativa di Stefano Zecchi (Mondadori), offre il racconto e la parabola esemplare di due destini piccoli e fragili, eppure grandi perché portano sulle spalle la parabola di un secolo intero, il Novecento, e la sua eredità da non dimenticare. Il docente di estetica Zecchi cede il passo alla sua vena autoriale per dipanare una storia ‘matrioska’ che ne contiene potenzialmente altre mille: tutte quelle che si sono mescolate del Novecento e negli anni drammatici del secondo dopo Guerra, mentre l’Europa ridisegnava i suoi confini. 

Sarà un dialogo intenso e certo coinvolgente quello che si svilupperà intorno a “Rose bianche a Fiume” giovedì 2 luglio a Lignano (ore 18.30 Palapineta) per l’edizione 2015 degli “Incontri con l’autore e con il vino” promossi dall’Associazione Lignano nel terzo Millennio per la cura artistica dello scrittore Alberto Garlini. Alla presentazione del libro, come sempre, si intrecceranno i profumi e i sentori di un grande vino, in questo caso proposto dall’azienda Scolaris, selezionato e raccontato dall’enologo Giovanni Munisso. In dialogo con Alberto Garlini, Stefano Zecchi racconterà dunque il suo protagonista, Gabriele, che accetta un invito inatteso e torna nella sua Fiume dopo che la Jugoslavia si è dissolta.

Rose bianche a Fiume è un romanzo struggente, ricco di colpi di scena eppure capace di soffermarsi con sguardo vigile e acutissimo su una delle più orribili lacerazioni del nostro tempo. Stefano Zecchi narra l'avventura di un uomo e di una donna illuminati da radiose speranze e poi costretti a percorrere fino in fondo il cammino della disillusione. Due destini piccoli e fragili, eppure grandi perché portano sulle spalle la parabola di un secolo intero, il Novecento, e la sua eredità da non dimenticare. Ingresso libero

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Innovazione e automotive, Michellone ospite degli studenti di Banca e Finanza di Uniud

    • solo oggi
    • 19 aprile 2021
    • Piattaforma Teems
  • La situazione del lavoro in Italia e in Europa, se ne parla nei webinar dell'Uniud

    • Gratis
    • dal 9 aprile al 18 giugno 2021
    • Web
  • Agricoltura 4.0, strumenti innovativi per le aziende agricole del Fvg

    • Gratis
    • dal 18 marzo al 22 giugno 2021
    • Formazione online

I più visti

  • Antichi abitatori delle grotte in Friuli

    • dal 3 marzo 2021 al 25 febbraio 2022
    • Castello di Udine
  • Udine, la città inquieta, prosegue l'esperienza teatrale del Css. Promozioni fino al 3 dicembre

    • dal 11 novembre 2020 al 30 aprile 2021
    • Centro storico
  • La Fondazione de Claricini "mette in luce" Dante, un anno di eventi in tutto il Friuli

    • dal 25 marzo al 30 dicembre 2021
    • villa de Claricini (Bottenicco di Moimacco), Udine, Pordenone, Cividale, Tolmino
  • Superbonus 110%, 3 giorni e 13 webinar gratuiti per rispondere a tutte le domande

    • Gratis
    • dal 15 al 17 aprile 2021
    • Web
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    UdineToday è in caricamento