Udine, presentazione della biografia di Imre Nagy

“Imre Nagy. Un ungherese comunista” è il titolo del libro di Romano Pietrosanti che sarà presentato all’Università di Udine mercoledì 25 febbraio, alle 17.30, nell’auditorium di palazzo Garzolini-di Toppo Wassermann a Udine (via Gemona 92).

Il volume, edito da Le Monnier, è la prima biografia italiana del primo ministro della rivoluzione ungherese del 1956 contro l’oppressione sovietica, ripercorrendo la vicenda umana e politica di quello che fu protagonista e vittima di quei tragici fatti.
 
Interverranno all’incontro l’autore del volume, Romano Pietrosanti, sacerdote, filosofo e storico; e i docenti dell’Ateneo friulano, Roberto Ruspanti, docente di cultura e letteratura ungherese e direttore del Centro interuniversitario di studi ungheresi e sull’Europa centro-orientale, e Gianluca Volpi, che insegna Storia dell’Europa centro-orientale.
 
«Nella sua opera Pietrosanti – spiegano Ruspanti e Volpi – ha goduto dell'appoggio morale e intellettuale del maggiore esperto italiano sui fatti d’Ungheria del 1956, il professor Federigo Argentieri, da almeno cinque lustri impegnato in ricerche sull'argomento consultando e valorizzando soprattutto le fonti ungheresi». Amico di Francois Fejto, storico ungherese naturalizzato francese e pioniere nello studio delle democrazie popolari, Argentieri ha curato la prefazione del volume.
 
L’appuntamento è organizzato dai dipartimenti di studi umanistici e di scienze umane dell’ateneo friulano con il patrocinio del Centro interuniversitario di studi ungheresi e sull’Europa centro-orientale.
 
Nagy, protagonista e vittima della rivolta ungherese del ‘56. La sua vita viene seguita attentamente dalla nascita nel 1896, nell’allora Ungheria dell’Impero degli Asburgo, e dall’adesione al comunismo nel 1917, fede che non abbandonerà più insieme alla forte coscienza nazionale ungherese. Nagy visse l’attivismo del partito, l’esilio a Mosca, il ritorno in patria nel secondo dopoguerra e gli incarichi governativi, fino a diventare capo del governo nel 1953. Il suo nuovo corso riformista fu contrastato e interrotto nella primavera 1955. Nagy si ritrovò così all’opposizione. L’esplosione rivoluzionaria del 23 ottobre 1956 lo riportò al governo. Esperienza che si concluse tragicamente con l’invasione sovietica del 4 novembre 1956, la sua incarcerazione e l’esecuzione il 16 giugno 1958. La riabilitazione il 16 giugno 1989 ha segnato la nascita della nuova Ungheria. Il libro dà conto anche degli importanti rapporti tra Nagy e il Partito comunista italiano, allora guidato da Palmiro Togliatti.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Superbonus 110%, 3 giorni e 13 webinar gratuiti per rispondere a tutte le domande

    • fino a domani
    • Gratis
    • dal 15 al 17 aprile 2021
    • Web
  • La situazione del lavoro in Italia e in Europa, se ne parla nei webinar dell'Uniud

    • Gratis
    • dal 9 aprile al 18 giugno 2021
    • Web
  • Agricoltura 4.0, strumenti innovativi per le aziende agricole del Fvg

    • Gratis
    • dal 18 marzo al 22 giugno 2021
    • Formazione online

I più visti

  • Antichi abitatori delle grotte in Friuli

    • dal 3 marzo 2021 al 25 febbraio 2022
    • Castello di Udine
  • Udine, la città inquieta, prosegue l'esperienza teatrale del Css. Promozioni fino al 3 dicembre

    • dal 11 novembre 2020 al 30 aprile 2021
    • Centro storico
  • La Fondazione de Claricini "mette in luce" Dante, un anno di eventi in tutto il Friuli

    • dal 25 marzo al 30 dicembre 2021
    • villa de Claricini (Bottenicco di Moimacco), Udine, Pordenone, Cividale, Tolmino
  • "Teatro in direttissima", nasce la stagione degli spettacoli sui palcoscenici virtuali

    • Gratis
    • dal 25 gennaio al 15 giugno 2021
    • pagina Facebook Palcoscenico Fita-Uilt
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    UdineToday è in caricamento