Crowdfunding woodlab al Malignani di San Giovanni

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

Nella sede di Confartigianato Imprese Udine oggi è stato lanciato WOOD LAB. Il Malignani di Udine ha raccolto la proposta della Fondazione Nord Est che intende creare una rete di Fablab nelle scuole.

Moderato dalla dott.ssa Silvia Oliva, in rappresentanza della Fondazione, l'incontro ha avuto come protagonisti gli studenti della sede staccata di San Giovanni al Natisone Filippo Chiappo e Simone Noselli, portavoce del gruppo che ha curato la presentazione illustrando perché, come e quali obiettivi abbia il progetto di crowdfunding.

Fablab a scuola nasce sul territorio: le scuole, le banche, le istituzioni pubbliche. Ma si rivolge anche alle famiglie, agli educatori, alle imprese e ai makers, i nuovi artigiani digitali.12.000 € la somma da raccogliere per dotare la scuola di una macchina a taglio laser e una stampante 3D ma anche di un'aula predisposta per incontri ed eventi. Integrare il laboratorio esistente con macchine di ultima generazione significa mettere la scuola al passo con i tempi; attivare un servizio di prototipazione per artigiani, aziende e designer vuol dire affermare che scuola e territorio sono uniti per l'innovazione tecnologica.

Giusto Maurig, presidente di zona, ha fatto gli onori di casa dando un caloroso benvenuto ai giovani, "menti aperte" di cui il triangolo della sedia ha vitale bisogno, e confermando l'impegno di Confartigianato Imprese Udine a sostenere il progetto proposto dal Malignani di San Giovanni al Natisone. La prof.ssa Michelina Giavedoni, coordinatrice sede e il prof. Massimo Vuerich, coordinatore del progetto, hanno raccontato di come è nato, dell'entusiasmo degli allievi e di come la raccolta fondi stia già dando i primi risultati. La dott.ssa Barbara Vattovani, vice Area Manager UniCredit Udine, partner della Fondazione Nord Est, ha sottolineato l'importanza del metodo di finanziamento scelto - il crowdfunding è condivisione - e affermato che "non c'è miglior forma di investimento che investire nel futuro".

Bepi Govetto, assessore della Provincia di Udine, Enrico D'Este, consigliere comunale e Anna Bogaro, vicesindaco del Comune di San Giovanni al Natisone, hanno condiviso l'opinione che l'I.S.I.S. Malignani è un fattore strategico per l'economia della zona e confermato che le Istituzioni che rappresentano sosterranno l'iniziativa contribuendo alla sua diffusione.

Per vedere il progetto e contribuire

Torna su
UdineToday è in caricamento