menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sigur Ros: stasera al No Borders

La band islandese salirà sul palco del festival tarvisiano, per il secondo appuntamento della rassegna senza confini. Domenica arriva Franco Battiato

Capaci di scrivere le pagine più poetiche e bizzarre della musica, conquistando l’unanime consenso di pubblico e critica, divenendo in poco più di quindici anni di carriera la massima espressione di quel rock che diventa pura arte a 360 gradi, i Sigur Rós  saranno stasera (biglietti ancorta disponibili in cassa dalle ore 19, inizio concerto ore 21) i protagonisti del secondo grande appuntamento in piazza Unità a Tarvisio (Udine) del No Borders Music Festival 2013. Presenteranno per la prima volta dal vivo in Italia i brani di “Kveikur”, il nuovo disco che ha raccolto recensioni trionfalistiche in tutto il mondo e arriva ad appena un anno dal fortunatissimo “Valtari”, lavoro che ha definitivamente consacrato la band come una delle realtà più interessanti e importanti della scena musicale internazionale.

La storia dei Sigur Rós inizia nel 1994, il giorno stesso della nascita della nipote del leader Jonsi Birgisson, chiamata per l’appunto Sigurros. La band si fa subito notare dalla connazionale Bjork, ma per raggiungere la notorietà occorre aspettare l’album Von. Il primo passo al di fuori dell’Islanda arriva con Ágætis Byrjun (1999), rampa di lancio della band a livello mondiale, in cui alle atmosfere psichedeliche del primo disco si aggiungono chitarre spiccatamente rock, tra garage e shoegaze. Il 2005 è l’anno di Takk, il terzo album ricco di una nuova forza espressiva di Birgisson e compagni. Due anni dopo la band si ripresenta con un doppio cd, Hvarf/Heim, nel quale, accanto a pezzi inediti, trovano ampio spazio rivisitazioni di brani della loro discografia. Grande successo riscontra anche il film-documentario Heima, testimonianza di una serie di concerti tenuti dalla band in suggestive location. Il quinto album di studio, Með Suð Í Eyrum Við Spilum Endalaust, esce nel 2008 e vede la collaborazione del produttore Flood (Nine Inch Nails). Caratterizzato da nuove strade sonore ed originali spunti artistici, la magia dei Sigur Ros è il frutto dell’incontro tra tante e diverse suggestioni artistiche; il risultato è un suono unico ed istintivo, una musica emozionante che si fonde alla magia ispirante della terra d’Islanda.

Nel corso degli anni è stata proprio la straordinaria capacità di creare musica emozionante a rappresentare il tratto caratteristico dei Sigur Rós, complice anche il fatto di cantare testi in islandese o, in alternativa, in un particolare linguaggio completamente inventato da Jonsi Birgisson, l’hopelandic.

A maggio 2012 viene pubblicato Valtari, un ritorno alle origini per le sonorità della band, mentre lo scorso 18 giugno uscirà il nuovo atteso lavoro: Kveikur. Anticipato dal singolo Brennisteinn, il disco è il primo che vede la band come trio, dopo l’abbandono del poli-strumentista Kjartan Sveinsson.

La 18esima edizione del No Borders Music Festival si concluderà domenica 28 luglio, protagonista sarà Franco Battiato. Sul palco di Piazza Unità il maestro porterà il suo “Apriti Sesamo Tour”, che segue la pubblicazione dell’omonimo fortunato album di inediti. I concerti del No Borders Music Festival sono inseriti inoltre nel programma di “Music&Live”, la promozione realizzata dall’Agenzia TurismoFVG, che permette a chi soggiorna in Friuli Venezia Giulia di ricevere il biglietto del concerto in omaggio (www.musicandlive.it).

I biglietti (posto unico a sedere) per il concerto di Franco Battiato sono in vendita nei punti autorizzati Azalea Promotion, nel circuito di vendita austriaco www.oeticket.com, nel circuito di vendita sloveno www.eventim.si e online su quello italiano www.ticketone.it 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus: 9 decessi, calano ricoveri e terapie intensive

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento