Il 25 e 26 giugno nuovi concerti in Val Saisera per il festival Risonanze

  • Dove
    Val Saisera
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 25/06/2016 al 26/06/2016
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Il 25 e il 26 giugno ancora due appuntamenti per il Festival Risonanze, saranno recuperati i concerti che, causa maltempo, non si sono svolti. La cornice sarà ancora una volta la Val Saisera con i suoi meravigliosi boschi. Si comincia sabato sera con la musica elettronica di Vettori, nella domenica, assieme ai liutai, anche il Quartetto del Teatro Lirico Verdi di Trieste in concerto, immancabile il sacchetto picnìc per assaporare le prelibatezze locali.

Si comincia il 25 giugno alle 21.30. Appuntamento lungo la pista da fondo - le auto potranno essere parcheggiate all’Agriturismo Prati di Oitzinger – con la musica elettronica di ‘Vettori’: cantautore veneto che esordisce nel 2012 con 'Visione Cosmetica' e che rilancia nel 2015 'L'impero della luce'. Dal vivo il suo sound electro-dance fa ballare e sudare, i suoi testi lanciano scossa al cuore e alla coscienza. Vettori si esibirà nel bosco ovviamente fra gli abeti della Val Saisera, insomma, uno spettacolo da non perdere.

Il weekend prosegue poi domenica 26 giugno Dalle 10.30 i liutai tornano nel bosco, mostrando la loro arte e i loro strumenti ‘magici’. Poco più tardi, alle 11.30 sarà la volta del Quartetto del Teatro Lirico Verdi di Trieste che si esibirà in un concerto la titolo evocativo: ‘Haydn e Mendelssohn - Facce di un chiaroscuro’. L’appuntamento è a Malga Saisera, il ritrovo è previsto al parcheggio Rifugio Grego. Inoltre, visto che è bene non perdere le buone abitudini, l’organizzazione riproporrà anche per questa domenica il sacchetto picnìc che consentirà di assaggiare tanti prodotti tipici della Valle preparati con cura dalle ristoratrici della zona (menù e prenotazioni su www.risonanzefestival.com).

Il Festival avvolti dall’abbraccio del bosco

Risonanze è un’occasione unica per ammirare gli imponenti abeti rossi di risonanza, per ascoltare musica e racconti immersi in una natura ancora incontaminata, per vedere all’opera i maestri liutai, che creeranno i loro strumenti in tempo reale.
Il ‘legno di risonanza’ si trova solo in due regioni d’Italia: il Trentino Alto Adige e il Friuli Venezia Giulia. In quest’ultimo territorio cresce nel lembo più a nordest, in Valcanale, dove l’abete rosso di risonanza è conosciuto da secoli dai grandi liutai di tutto il mondo. Una peculiarità celata per anni, su cui il Comune di Malborghetto-Valbruna, con il sostegno di Regione Friuli Venezia Giulia e Fondazione Crup, e con la collaborazione del Corpo Forestale dello Stato (i partner del progetto sono Cooperativa PuntoZero, Alpi Friulane, Accademia Ars Nova e Liberatorio d’Arte), ha deciso di puntare facendola diventare motivo di richiamo e veicolo di promozione.

Informazioni più dettagliate sul festival ‘Risonanze’ sono reperibili sul sito internet www.risonanzefestival.com o sulla pagina Facebook dedicata. C’è anche un hashtag che è #Risonanze2016. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

I più visti

  • Morgan a Udine con un omaggio a Fabrizio De André

    • 5 maggio 2020
    • Teatro Nuovo Giovanni da Udine
  • Corsi propedeutici all’off-road, iscrizioni al via: a Gonars istruttori a disposizione dei mini-piloti 

    • dal 13 al 5 aprile 2020
    • Pista di motocross
  • Solo a Campoformido la nuova frontiera del wellness

    • dal 28 gennaio al 7 aprile 2020
    • Università Senza Età - Città del Trattato
  • Giorgio Panariello al Giovanni da Udine con il nuovo tour "La favola mia"

    • 14 aprile 2020
    • Teatro Nuovo Giovanni da Udine
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    UdineToday è in caricamento