Udine si risveglia con il concerto di Remo Anzovino

  • Dove
    piazza San Giacomo
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 04/07/2015 al 04/07/2015
    7.30
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

È considerato da critica e pubblico uno dei massimi esponenti della musica strumentale italiana e si è confermato tra i più originali e innovativi pianisti compositori in circolazione anche con l’ultimo album live “Vivo”, che ha ottenuto solo recensioni trionfali sia in Italia che all’estero, ma è anche una delle massime espressioni musicali del Friuli Venezia Giulia e autentico portabandiera in tutto il mondo: le sue musiche accompagnano i viaggiatori di Alitalia in tutti i 5 continenti.

Stiamo parlando del pianista compositore pordenonese Remo Anzovino che – dopo il trionfo del 2014 al Teatro Nuovo Giovanni da Udine e dopo i due incredibili concerti estivi all’alba sul Noncello davanti a 2 mila persone e in alta quota al Rifugio Gilberti a Sella Nevea per il No Borders Music Festival – a grande richiesta ritorna dal vivo nella sua regione per un concerto evento davvero originale, intitolato “Il Risveglio di Udine”: sabato 4 luglio alle ore 7:30 del mattino darà il buongiorno alla città di Udine nel salotto di Piazza San Giacomo, dando il via ufficialmente alla giornata della Notte Bianca 2015 organizzata dal Comune di Udine.

Attualmente al lavoro in studio sul suo quinto album di inediti, Anzovino ritorna a calcare il palcoscenico dopo il grande successo del  tour 2014 (con alcuni eventi davvero esclusivi: su tutti il concerto a Verona al Teatro Romano sullo stesso palco del grande Uri Caine) e dei due bellissimi concerti dello scorso aprile in Sicilia (a Palermo al Teatro Agricantus e al MA di Catania) e dopo la fortunata pubblicazione di “Vivo”, uno speciale cofanetto con il primo album live della sua carriera e il dvd dello storico “Concerto della Memoria” sulla Diga del Vajont.

“Vivo” racconta il percorso artistico di questo straordinario musicista che sa unire la qualità alla capacità di arrivare a tutti con una melodia che entra dritta nel cuore e non ne esce più. Come un personale marchio di fabbrica. Album dopo album, concerto dopo concerto, Anzovino si è rivelato non solo un eccezionale autore di melodie, di cui han fatto man bassa le più importanti trasmissioni televisive di qualità (Ballarò, Otto e Mezzo, etc.) e i più importanti brand commerciali (Alitalia, Bulgari, etc.), ma anche un notevole performer live. Difatti, “Vivo” è arricchito dal video integrale dello straordinario “Concerto della Memoria” che Anzovino ha tenuto il 15 settembre 2013 sulla diga del Vajont, nella sua  regione, in occasione del 50esimo anniversario della più grande tragedia evitabile della storia italiana, onore che gli è stato riservato per “Suite for Vajont (9 ottobre 1963)”, composizione  riconosciuta dalla Fondazione Vajont (Comuni di Longarone, Erto e Casso, Castellavazzo e Vajont) come musica ufficiale del ricordo del Vajont ed è stata insignita in Campidoglio il 7 ottobre 2013, sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, con il Premio Anima 2013 sezione musica "per il contributo significativo dato al senso dell'etica e della responsabilità nel nostro Paese".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

I più visti

  • Antichi abitatori delle grotte in Friuli

    • dal 3 marzo 2021 al 25 febbraio 2022
    • Castello di Udine
  • Udine, la città inquieta, prosegue l'esperienza teatrale del Css. Promozioni fino al 3 dicembre

    • dal 11 novembre 2020 al 30 aprile 2021
    • Centro storico
  • La Fondazione de Claricini "mette in luce" Dante, un anno di eventi in tutto il Friuli

    • dal 25 marzo al 30 dicembre 2021
    • villa de Claricini (Bottenicco di Moimacco), Udine, Pordenone, Cividale, Tolmino
  • "Teatro in direttissima", nasce la stagione degli spettacoli sui palcoscenici virtuali

    • Gratis
    • dal 25 gennaio al 15 giugno 2021
    • pagina Facebook Palcoscenico Fita-Uilt
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    UdineToday è in caricamento