Concerto benefico per l’asilo di Artegna

Sabato 4 marzo con inizio alle ore 20.45 al Teatro Lavaroni di Artegna, andrà in scena un concerto-spettacolo dal titolo: "Musica romantica in Friuli, ricerca e sperimentazione", i cui ricavati saranno interamente devoluti a sostegno della scuola materna "Mons. Castellani", in collaborazione con le associazioni Crescere con i piccoli e Amici del teatro di Artegna. Ideato dal Gruppo Fisarmonicisti di Tarcento, presieduto da Ivan Novelli e diretto da Massimo Pividori, con la partecipazione del gruppo Balarins de Riviere e di Roberto Michelizza ai live electronics, lo spettacolo sarà condotto dal musicologo Alessio Screm, il quale guiderà il pubblico, tra incursioni estemporanee, fonti storiche, aneddoti e affabulazioni, alla scoperta di una collezione inedita e mai eseguita di antiche danze in uso in Friuli. Le così dette "Schiave", fatte riemergere da Paolo Pellarini da una raccolta appartenuta a monsignor Pietro Comelli di Nimis (il precettore di Caterina Percoto), ora custodite all'Archivio di Stato di Udine. Oltre a queste e ad altre danze, come le "Cortigiane" e la mirabile "La Sclave de Tor", eseguita in abiti tipici dai ballerini di Magnano in Riviera, la trama della serata ad Artegna si spingerà fino a raggiungere manipolazioni sonore, incursioni e fusioni musicali e coreutiche, con brani sperimentali di nuova concezione firmati da Massimo Pividori. La dicotomia tra tradizione e innovazione qui trova una risposta. Lavori come "Castello", che prende spunto dalla celebre villotta "O ce biel cjistiel a Udin", e "Stries de Tencje", una suite di danze per ensemble di fisarmoniche e live electronics, diventano il tessuto musicale per un gioco di figurazioni a ballo, questa volta del tutto impensate. «La storia del ballo e della musica da ballo in Friuli - commenta Alessio Screm -, è carica di fascino e punti ancora oscuri, che bene si prestano ad essere investigati e colmati da nuove creazioni, frutto della fantasia di noi friulani. È un mondo misconosciuto che trova origini molto lontane, almeno a Sant'Ermacora, protomartire di Aquileia e inventore della danza sacra». Una panoramica ad ampio raggio, con un occhio al passato e uno al futuro, in cui si mescolano i confini tra musica, ballo, poesia, aneddoti, leggende e letture da Caterina Percoto, Valentino Ostermann, Ippolito Nievo ed altre personalità che si sono dedicate alla salvaguardia del patrimonio culturale friulano, ora rinnovato da nuove idee. L'ingresso è a offerta libera. (Per info: gruppofisarmonicisti@gmail.com).

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Morgan a Udine con un omaggio a Fabrizio De André

    • 5 maggio 2020
    • Teatro Nuovo Giovanni da Udine
  • Corsi propedeutici all’off-road, iscrizioni al via: a Gonars istruttori a disposizione dei mini-piloti 

    • dal 13 al 5 aprile 2020
    • Pista di motocross
  • Solo a Campoformido la nuova frontiera del wellness

    • dal 28 gennaio al 7 aprile 2020
    • Università Senza Età - Città del Trattato
  • Giorgio Panariello al Giovanni da Udine con il nuovo tour "La favola mia"

    • 14 aprile 2020
    • Teatro Nuovo Giovanni da Udine
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    UdineToday è in caricamento