Riconsegnate ed esposte le cinque sculture lignee di Domenico da Tolmezzo

Era il 1981 quando la Carnia nella notte tra il 14 e il 15 novembre veniva spogliata di uno dei suoi monumenti più significativi. Dalla Pieve di San Pietro, posta in strategica posizione sulla vallata del Bût e onorata ancora oggi con il titolo di Cattedrale, vennero asportate tutte le statue e alcuni elementi decorativi minori del grande polittico ligneo commissionato nel 1481 a Domenico Mioni, detto Domenico da Tolmezzo, collocato poco dopo nell'abside dell'altare maggiore. Un episodio gravissimo, avvenuto dopo altre gravi manomissioni, che nell'estate del 2016 ha avuto una svolta importante grazie alle attività investigative del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale dei Carabinieri. A seguito del controllo sistematico sul mercato dell'arte, nazionale e internazionale, il Nucleo ha intercettato in una galleria antiquaria di Torino cinque dei Santi Apostoli destinati a ornare le nicchie del corpo centrale dell'altare. Un recupero straordinario per il patrimonio nazionale, che racchiude in sé tutta una serie di significati e che riconsegna alla Carnia un tassello della propria storia.

Rientrano così a Zuglio dopo 36 anni le statue raffiguranti i Santi Andrea, Paolo e Giacomo Maggiore, che affiancavano la figura assiale di San Pietro e i Santi Matteo e Tommaso che alloggiavano nel registro superiore, perfettamente rifinite da incarnati rosacei, fisionomie delineate in nero, e capigliature tinte, con le tuniche dorate vivacizzate da risvolti azzurri e rosa acceso.

Le statue verranno restituite alla Pieve di San Pietro, rappresentata dal prevosto Giordano Cracina, con una cerimonia prevista sabato 17 giugno al  Museo Archeologico di Zuglio alla presenza del Sindaco Battista Molinari e di Autorità Civili, Militari, Ecclesiastiche. Questa operazione, fortemente condivisa dal Sindaco Battista Molinari, ha visto impegnato in prima linea il Civico Museo Archeologico Iulium Carnicum, che negli ultimi anni ha messo in moto un percorso virtuoso promuovendo mostre anche di carattere internazionale. La sede museale ospiterà infatti le sculture nella sezione già dedicata alla Pieve, dove sono valorizzati resti di decorazione architettonica eloquenti dell'esistenza di più momenti decorativi per l'edificio di culto a partire dal VI fino almeno al IX secolo d.C.

Il Museo è aperto fino al 30 settembre mercoledì e giovedì 9-12, venerdì, sabato e domenica  9.00-12.00/15.00-18.00. Da ottobre a febbraio venerdì 9-12 e domenica 9-12/15-18; da marzo a maggio venerdì e sabato 9-12/15-18.

Informazioni:

Civico Museo Archeologico Iulium Carnicum

Via Giulio Cesare n. 19 – 33020 Zuglio (Udine)

Tel/Fax 0039 0433 92562,  e-mail: museo.zuglio@libero.it, www.comune.zuglio.ud.it.

Flaviana Oriolo, Conservatore del Civico Museo Archeologico Iulium Carnicum

cell. 349/3647727, e-mail: flaviana.oriolo@gmail.com

Anna Pia Zamolo, dipendente del Comune di Zuglio, area amministrativa-culturale

cell. 333/7818920, e-mail: museo.zuglio@libero.it

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • L'omaggio di Tarcento a Zanussi, vero e proprio laboratorio di inclusione sociale

    • Gratis
    • dal 19 dicembre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Allestimento in Sala Margherita - visite virtuali online
  • Per la prima volta una mostra dedicata a Giovanni da Udine

    • dal 12 dicembre 2020 al 14 marzo 2021
    • Salone del Parlamento del Castello di Udine

I più visti

  • "Predis, la nazione negata", debutto in Tv per il docufilm sui preti friulani

    • Gratis
    • dal 12 al 26 gennaio 2021
    • Rai3 bis canale 103 del digitale terrestre
  • Quando la pizza diventa "benefica". Per il palato e per lo spirito

    • dal 8 dicembre 2020 al 15 gennaio 2021
  • Dino Park Udine, lo spettacolo dei dinosauri dal vivo

    • dal 1 agosto 2020 al 1 febbraio 2021
    • Centro commerciale Città Fiera
  • "Fila a teatro": riparte la rassegna per adulti e ragazzi tra storia, grandi classici, commedia dell'arte e narrazione

    • Gratis
    • dal 19 settembre 2020 al 28 febbraio 2021
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    UdineToday è in caricamento