menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Zoran, il mio nipote scemo" vince il premio del pubblico a Venezia

Il film del regista friulano Matteo Oleotto ha incantato gli spettatori: 10 minuti di applausi e proiezioni tutte esaurite. Vince anche l'osmiza al Lido con 2870 uova, 27 prosciutti e 1.500 tagli offerti

“Zoran, il mio nipote scemo”, vince il Premio del Pubblico Rarovideo della Settimana della Critica: il film di Matteo Oleotto - accolto con ovazioni da stadio, 10 minuti di applausi e le proiezioni sempre esaurite (con addirittura l’intervento della forza pubblica a calmare gli esclusi) – è considerato una “rivelazione” di questa edizione della Mostra. Vince anche il Premio Schermi Qualità - dato a un film italiano scelto tra tutti i presentati alle varie sezioni -  che la giuria ha definito “Un film “ad alta gradazione alcolica”, nobilitato dalla magnifica interpretazione di Giuseppe Battiston”. Il premio è realizzato dall’AGIS, d’intesa con le associazioni dell’esercizio cinematografico (ANEC, ANEM, FICE, ACEC,) su incarico del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Infine Giuseppe Battiston vince e la Menzione della Federazione dei Critici del Mediterraneo (Fedeora).

Ma al Lido ha vinto anche Casa Zoran: il luogo di incontro più gettonato della Mostra, dove è stata riproposta l’antica tradizione dell’Osmiza; luogo principale di aggregazione, più del bar, perché somiglia a una casa è una delle ambientazioni principali del film, girato tra Gorizia e la Slovenia. Il pubblico della Mostra si è riversato a Casa Zoran, dove sono stati offerti, nello spirito della tradizione regionale, 2870 uova, 27 prosciutti San Daniele DOP, 1500 litri di vino Friulano Zoran prodotto da Renato Keber, 1 damigiana di Terrano, e tante altre prelibatezze friulane che hanno deliziato il palato dei cinefili che si sono cimentati anche nel tiro delle freccette. “Zoran il mio nipote scemo” uscirà in sala il 14 novembre distribuito dalla Tucker Film.

Il film, è diretto da Matteo Oleotto, interpretato da Giuseppe Battiston, Teco Celio, Rok Prašnikar, Roberto Citran, con la partecipazione straordinaria di Sylvain Chomet. Prodotto da Igor Prin?i?, è una coproduzione italo-slovena Transmedia – Staragara, con il supporto di Eurimages, in collaborazione con Friuli Venezia Giulia Film Commission e con il contributo del fondo regionale per l’audiovisivo del Friuli Venezia Giulia, e sarà distribuito dalla Tucker Film. Il lungometraggio è riconosciuto di interesse culturale dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per il cinema (MiBAC) e dallo Slovenski Filmski Center Javna Agen Cija Viba Film.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, 12 i decessi, calano i ricoveri e le terapie intensive

Attualità

È di nuovo zona arancione, ecco cosa succede da oggi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento