TIR del friulano Fasulo vince al Festival di Roma

Un altro riconoscimento di valore per il cinema regionale che sta vivendo il suo miglior periodo

TIR di Alberto Fasulo ha vinto l’ottava edizione del Festival Internazionale di Roma (aggiudicandosi,  ricordiamo, anche il Premio AMC per il montaggio di Johannes Hiroshi Nakajima). Una data storica per il Friuli, casa madre dello stesso Fasulo, del film e del lungo progetto che ha portato alla sua realizzazione (oltre quattro anni).

Dopo Zoran, la pluridecorata commedia di Oleotto, e in attesa di Parole Povere della Archibugi, in programma al Torino Film Festival (in tutti e tre i casi, la distribuzione porta il marchio della Tucker Film), il Marc’Aurelio d’oro di TIR testimonia, appunto, il momento magico che sta vivendo la scena regionale.

Una terra, la nostra, che investe consapevolmente sulla produzione cinematografica sostenendo il cinema sul territorio con una Film Commission, un Fondo regionale per l’audiovisivo e un sistema che contempla l’esercizio (con le sale di qualità), la distribuzione (con la Tucker Film), la conservazione e i Festival Internazionali.

TIR racconta la storia di Branko, un ex insegnante di Rijeka (Fiume) diventato da qualche mese camionista per un’azienda di trasporti italiana. Una scelta più che comprensibile dato che adesso guadagna tre volte tanto rispetto al suo stipendio d’insegnante. Eppure tutto ha un prezzo, anche se non sempre quantificabile in denaro. Da piccoli ci dicevano: «Il lavoro nobilita l’uomo». Ma qui sembra diventato vero  il contrario: è Branko, con la sua efficienza, la sua ostinazione, la sua buona volontà, a nobilitare un lavoro sempre più alienante, assurdo, schiavizzante.

La sceneggiatura, che nel 2010 si era aggiudicata il Premio Solinas, unisce le firme di Fasulo, Carlo Arciero, Enrico Vecchi e Branko Zavrsan (il bravissimo protagonista). Il film è prodotto dalla società friulana Nefertiti Film (Nadia Trevisan e Alberto Fasulo) e coprodotto dalla croata Focus Media (Irena Markovic), in collaborazione con Rai Cinema con il supporto del Fondo Regionale per l’Audiovisivo. TIR sarà distribuito dalla Tucker Film (C.E.C. di Udine + Cinemazero di Pordenone).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto mortale sulla Ferrata, perde la vita a soli 22 anni

  • Cade dallo slittino, batte la testa e muore in ospedale a 19 anni

  • Terrore in pasticceria, i clienti si nascondono in bagno

  • Lorenzo, una vita spezzata a soli 22 anni

  • Incidente mortale a Tarcento, la vittima è un 39enne di Majano

  • Mestre, 24enne di Osoppo muore per sospetta overdose

Torna su
UdineToday è in caricamento