25 aprile, “San Marco rovesci i tiranni d'Egitto!”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

Leone marciano e aquila aquileiese incrociati a reggere una veronica con impressi i tratti del volto di Giulio Regeni e l'appello "Audi, Marce" ossia "ascolta, Marco" indirizzato all'Evagelizzatore dell'agro di Aquileia - patria d'origine dell'odierno martire civile friulano, di Fiumicello - nonché dell'Egitto, terra in cui il giovane ha perso la vita come già un tempo l'Evangelista. Ecco la simbologia della dedica devozionale in suffragio di piccoli e grandi eroi vittime della tirannide in riva al Nilo e nell'universo mondo, che una delegazione del Movimento Civico Culturale Alpino-Adriatico "Fogolâr Civic" e del Circolo Universitario Friulano "Academie dal Friûl", sotto la guida del presidente dei due sodalizi, prof. Alberto Travain, ha deposto al mattino del 25 aprile 2016, giorno di San Marco nonché della Liberazione d'Italia dal nazifascismo, nella pineta aquileiese dove tradizione vuole sia sbarcato l'antico Patriarca. La deposizione è avvenuta esattamente a tre mesi dalla scomparsa del ricercatore fiumicellese impunemente assassinato in una terra dei Faraoni oggi ostaggio evidente di un sanguinario dispotismo travestito da democrazia. "Quella dedica è ad un tempo preghiera e ideale dichiarazione civica di guerra aperta ai 'Faraoni' moderni" ha detto Travain. Nel laconico indirizzo a San Marco, infatti, riecheggia, in versione altoadriatica, il temuto "Audi, Iuppiter" ("Ascolta, Giove") degli antichi padri romani! "'Audi, Marce', ascolta, San Marco, il lamento e le ragioni dei martiri di verità che interpellano di nuovo le sponde del Nilo e del Natissa!" ha soggiunto il presidente delle due organizzazioni: "invocazione e monito, i nostri, espressione sincera, addolorata e furente, di un civismo friulano e più in generale alpino-adriatico, di un'Europa 'aquileiese' legatissima storicamente all'Egitto e all'Oltremare mediterraneo e proprio per questo ancor più sconcertata e irrimediabilmente offesa dall'oltraggio subito con lo scempio di un suo valoroso figlio quale Giulio Regeni, campione tragico di libertà per il popolo egiziano e per una vera civiltà della democrazia! Le bandiere del Friuli sventoleranno radiose soltanto nel giorno della caduta degli assassini del nostro Giulio, dei loro sostenitori e complici, e per festeggiare la libertà del migliore popolo d'Egitto!". Presenti alla cerimonia rappresentanti di tutte le sezioni ovvero "quintieri" del Fogolâr Civic, coordinati dal consigliere movimentale tenore Gianfranco Savorgnan, ed esponenti del Fogolâr Furlan aquileiese. La delegazione ha poi reso omaggio nel pomeriggio alla tomba di Giulio Regeni a Fiumicello deponendo ai suoi piedi, durante un minuto di raccoglimento, la bandiera sociale con l'aquila di Aquileia, antica metropoli cosmopolita altoadriatica e mitteleuropea, insegna che attende di garrire lieta nel giorno della "liberazione d'Egitto".

Torna su
UdineToday è in caricamento