menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Udine nella top ten dei brevetti di design in Europa

L’Eurostat, l’istituto di statistica dell’Unione europea, ha pubblicato la fotografia 2017 delle Regioni dei Paesi membri, dalla quale emergono i territori che più investono in innovazione, ricerca e sviluppo. La nostra provincia si è piazzata al settimo posto con 701 brevetti depositati

La Provincia di Udine si piazza al settimo posto nella classifica dei brevetti di design in Europa, con 701 brevetti depositati nel 2015 (ultima rilevazione) una spesa di 1.307,4 euro per milione di abitanti e con una incidenza dell’1,2% sul totale della Ue a 28.

“Le elaborazioni di Eurostat - commenta Matteo Tonon, presidente di Confindustria Udine - mostrano che nell’industria e nella ricerca friulane la propensione all’investimento in innovazione è tra le più alte in Europa. Per far leva su questa spiccata propensione e capacità di innovare si deve riconoscere la validità delle politiche di sostegno agli investimenti e alla ricerca e sviluppo, in primis mediante i bandi del Por Fesr e di Rilancimpresa che hanno intercettato una importante propensione delle aziende regionali piccole, medie e grandi favorendo intese e collaborazioni anche con i centri di trasferimento tecnologico tra cui le università regionali ed i parchi scientifici regionali”.

Il Friuli Venezia Giulia, peraltro, è la regione leader in Italia, insieme al Piemonte, nell'ambito dei territori che si distinguono per il tasso di innovazione, come ha confermato il recente dato emerso dal Regional Innovation Scoreboard (RIS), lo studio che presenta una valutazione comparativa del rendimento nel campo dell'innovazione in 214 regioni di 22 Stati membri dell'Unione Europea e che include nella propria analisi anche Norvegia, Cipro, Estonia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo e Malta.

Rispetto al Quadro europeo di valutazione dell'innovazione (EIS), pubblicata nella estate appena trascorsa, che individua i parametri della resa innovativa a livello degli Stati membri, il RIS pone maggiormente l'accento sulle performance delle PMI. Questo indice di riferimento prende in considerazione 12 indicatori quali gli investimenti in ricerca e sviluppo, il grado di istruzione, il numero di brevetti registrati, l'innovazione organizzativa, di processo e di prodotto e gli effetti in termini di occupazione e aumento del fatturato. Le regioni europee vengono quindi classificate in quattro gruppi di resa innovativa: Leader dell'innovazione, che conta 36 regioni; Innovatori regionali forti (65 regioni, tra cui appunto il Friuli Venezia Giulia); Innovatori regionali moderati (83 regioni); Innovatori regionali modesti (30 regioni).

“In questa graduatoria, il Friuli Venezia Giulia è una delle due sole regioni italiane - ricorda Tonon - che si colloca nel secondo gruppo, qualificandosi come innovatore regionale forte, mentre le rimanenti regioni si fermano nelle terza e quarta fascia. Uno specifico elemento di forza del sistema regionale riguarda il numero di Piccole e medie imprese che innovano in house. Oltre al numero di brevetti registrati, si segnalano i loro investimenti sia in innovazione di prodotto o di processo, sia in innovazione di marketing o organizzativa”.

Cattura-25-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, in Fvg 267 nuovi contagi e 12 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento